sabato 17 novembre 2018   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

 L'Altro Sud-UDS è membro dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi)

    

 http://www.e-f-a.org/home/

 

MANIFESTO EFA ELEZIONI EUROPEE 2019:

http://www.e-f-a.org/about-us/documents/1-electoral-manifestos/2019/

 

 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

   
 Stampa   
 La bustina suddista    
   
 Stampa   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

QM: La nuova pubblicazione di approfondimento della testata "il Brigante". Contiene interessanti articoli del fondatore della rivista Gino Giammarino, del direttore dell'EFA (European Free Alliance) Gunther Dawen e del presidente de L'Altro Sud Antonio Gentile

 

 

   
 Stampa   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Stampa   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Stampa   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Stampa   
 IL BRIGANTE    

 

Newspaper of the Sud

   
 Stampa   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Stampa   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Stampa   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Stampa   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Stampa   
 UsersOnline    
Iscritti Iscritti:
L'ultimo utente Recente: Millie317142
Nuovi utenti di oggi Nuovi utenti di oggi: 1
nuovi utenti di ieri Nuovi utenti di ieri: 1
Utenti contati Complessivamente: 4448

Persone On-line Persone Online:
Visitatori Visitatori: 21
Membri Iscritti: 0
Totale Totale: 21

Online adesso Adesso Online:
   
 Stampa   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Stampa   
 New_Blog    
Devi loggarti ed avere i permessi per creare o modificare un blog.
   
 Stampa   
 Blog_List    
   
 Stampa   
 SPEZZARE LE CATENE    
Luogo: BlogsL'ALTRO SUD    
Inviato da: 242658@aruba.it 02/03/2017 19.59

SPEZZARE  LE CATENE

di Nicola Perrini

 Nel libro “Memorie di quando ero italiano” del 1994, Nicola Zitara ci spiega in maniera semplice e lineare come la fondazione di uno Stato del Sud sia l’unico modo per risolvere la cosiddetta “questione meridionale”.
Un separatismo o a parer mio una forte autonomia federale, che spezzerebbe le catene che tengono bloccato il Sud e libererebbe le enormi energie sopite nella gente meridionale. Una transizion
e che ci costerebbe nel breve periodo probabilmente lacrime e sangue, ma che sarebbe risolutiva ed aprirebbe al popolo meridionale le prospettive che la sua storia ed il suo grado di civiltà gli assegnano.

Interessante inoltre la critica al capitalismo liberista attualmente imperante, che andrebbe sicuramente superato per approdare a sistemi di governo più umani, che tengano conto non soltanto del PIL ma piuttosto del benessere della gente e dell’ambiente, oltre che realizzare la piena occupazione. Per questo forme di associazionismo e cooperativismo produttivo andrebbero spiegate ed incoraggiate. 

Ecco un breve estratto del libro:
<<……il mio separatismo non è un sentimento, ma un progetto politico. L'area meridionale d'Italia o, se meglio vogliamo definirla, la Magna Grecia o Megale Hellas comprende un paese con ventidue milioni di abitanti e forse, solo fra le generazioni viventi, otto milioni d'emigrati. Nel complesso una nazione grande e popolosa, i cui componenti, quanto a preparazione e attitudine professionale alla produzione industriale, potrebbero giocare in serie A. Difatti i produttori meridionali sono comandati – come operai, tecnici e come professionisti – dal capitalismo forestiero, sia esso padano, sia esso propriamente straniero: svizzero tedesco, americano, ecc. Ma il Sud della penisola italiana non possiede soltanto le leve umane per essere una nazione all'avanguardia tecnologica; avrebbe (ha) anche adeguate risorse finanziarie per costruirsi lo stadio e giocare il campionato mondiale: per fondare cioè un suo sistema produttivo moderno. Si tratta di centinaia di migliaia di miliardi riversati improficuamente per il Sud, nei sistema creditizio "nazionale" e presso le Poste e il Tesoro italiani. Per non contare poi - in quanto indesiderato - il milione circa di miliardi imboscati dalla mafia nei sistemi finanziari e produttivi capitali-stici: quello nazionale, quello comunitario e quello dell'area del dollaro; danari che vengono tranquillamente e senza scandalo alcuno manovrati e impiegati dal sistema finanziario mondiale e dalle più "limpide" fra le banche centrali occidentali.

Quest'insieme, tecnicamente informe e socialmente infruttifero per chi l'origina, potrà prendere forma socialmente produttiva alla sola condizione che venga costruita una squadra, che nasca uno Stato megaellenico (dell'economia meridionale), affinché lo organizzi e lo prepari alla competizione; in sostanza che lo rivolga alla produzione. La connessione tra decollo industriale e indipendenza politica è ormai una nozione corrente e pacifica a livello di storia economica; lo è persino nelle università più fedeli alla lezione liberal-capitalistica, ivi incluse le accademie bolognese, milanese e romana. Fra la gente che non è rintronata dal falso storico assurto a rito patriottico, non v'è più dubbio alcuno che gli ostacoli all'industrializzazione del Sud vengono tutti dal sistema statale e politico italiano, il quale è strutturato in modo che gli stessi automatismi di mercato si incaricano di bloccare ogni tentativo meridionale.

L'antimeridionalismo organico del sistema politico italiano, i cui caratteri non sempre sono chiaramente definibili al Nord, assume invece al Sud un'evidente collocazione classista. La classe schierata è quella dei mediatori locali della dominazione padana, che in cambio del tradimento ricevono il privilegio di stare "accomodati" in mezzo al disastro; in particolare la piccola e media borghesia impiegatizia e professionistica, che gode di stipendi e tariffe professionali superiori a quelli che potrebbe ottenere se il Sud sottosviluppato fosse indipendente. Anche l'area dell'occupazione operaia ha - in virtù della sua cittadinanza sindacale italiana - una condizione di privilegio rispetto alla circostante disoccupazione, sottoccupazione, lumpen-occupazione nel settore agricolo, nel terziario tradizionale e dovunque scorra il fiume nero dell'industria sommersa. Ma la causa vera dell'impotenza meridionale sta nel discredito di cui l'Italia sabauda massona e liberale ha circondato l'uomo del Sud. E ancor di più nell'interiorizzazione di siffatta antropologia colonialista che a tutti i costi ci vuole inetti. Ci han fatti ascari e tali ci sentiamo. L'intolleranza antimeridionale è un gioco, televisivo e no, nel quale l'Italia razzista è riuscita a coinvolgere non solo l'intero popolo nazionale, ma tutto l'Occidente. Meridionale non è più una condizione ma un marchio infamante. E per giunta auto assunto proprio da chi è infamato. Secondo gli unitari, l'ipotetica ricostruzione politica e culturale del Meridione - la conclusione della cosiddetta "questione meridionale" - dovrebbe partire, ahimè, da questa coscienza degradata oltre ogni umano limite. Ancora una volta un popolo di morti risorgimenta miracolosamente. Ma questa volta sono assenti gli zuavi di Napoleone III e le sterline di Sua Maestà Britannica, cosicché l'idea di liberazione che hanno i borghesi meridionali somiglia a un singhiozzo. Comunque sia, non conosco le tecniche della resurrezione, meno che mai quella politica. Credo invece di aver capito che, se è vero che la filosofia liberal-capitalistica ha dato le armi della vittoria a chi domina il Sud e se è vero che il "libero" mercato capitalistico è la palla di piombo che Io tiene schiavo, non sarà certamente attraverso i percorsi dell'iniziativa capitalistica che noi meridionali riconquisteremo la nostra libertà economica, e non sarà con l'ingresso nell'Europa capitalistica che metteremo nuove basi alla nostra identità individuale e collettiva.

Il mercato capitalistico è divenuto un gioco per vecchi birbanti e per bari incalliti, per corpi sociali che hanno imparato a truffare a man bassa: per gente capace di ribaltare, con tronfia coscienza, in colpa dei truffati la fortuna delle proprie gesta e le proprie responsabilità civili. Noi meridionali non abbiamo avuto modo di diventare così esperti: non avremmo dunque avvenire alcuno come bari apprendisti. Oltre tutto le carte truccate le tiene sempre il banco. La storia ci assegna un diverso percorso, in cui non credo ci saranno risparmiate le lacrime e il sangue>>.

Permalink |  Messaggio di ritorno

Commenti (7)   Aggiungi Commento
Re: SPEZZARE LE CATENE    Da Caterina Gleijeses a 05/03/2017 12.28
"L'intolleranza antimeridionale è un gioco, televisivo e no, nel quale l'Italia razzista è riuscita a coinvolgere non solo l'intero popolo nazionale, ma tutto l'Occidente" <br>Analisi lucidissima e puntuale che ci aiuta a capire l'antimeridionalismo radicato nel DNA italiano e che rende superfluo una convivenza ormai insopportabile.

Re: SPEZZARE LE CATENE    Da Franco Malatesta a 05/03/2017 17.56
La grandezza di Zitara sta nel fatto che unisce la lotta meridionalista alla critica durissima contro il capitalismo liberale. Aveva già capito molto tempo prima ciò che avrebbe determinato questo capitalismo sui popoli europei dopo la creazione dell'Europa unita, un grande indipendentista meridionale senza se e senza ma.

Re: SPEZZARE LE CATENE    Da Gennaro a 06/03/2017 20.42
Andiamocene da questa Italia di m..... Liberiamoci una volta e per sempre da questi razzisti provincialotti che odiano tutti, la mancanza di una cultura li rende dei selvaggi da baraccone, vedi Bossi, Salvini ecc.......

Re: SPEZZARE LE CATENE    Da Flavia a 07/03/2017 18.17
l'unica alternativa a questa Europa delle banche e dei poteri forti è il protagonismo dei popoli

Re: SPEZZARE LE CATENE    Da Francesco a 09/03/2017 19.29
Liberiamoci di queste catene!

Re: SPEZZARE LE CATENE    Da Rino Di Maio a 18/03/2017 19.24
Certe analisi sono proprie di un certo periodo storico (socialismo classista) ma rimangono validissime anche al giorno d'oggi. la globalizzazione ha cambiato tutto ma le ingiustizie di fondo rimangono inalterate.

Re: SPEZZARE LE CATENE    Da Catello a 22/03/2017 20.37
L'antimeridionalismo è organico al sistema politico italiano che altro vuoi aggiungere. Prima ce ne andiamo e meglio è


Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento   Annulla 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Stampa   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Stampa   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Stampa   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Vivi il Sud! :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Condizioni d'Uso