Tuesday, September 17, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: NannieAlber
New Today New Today: 0
New Yesterday New Yesterday: 0
User Count Overall: 4850

People Online People Online:
Visitors Visitors: 27
Members Members: 0
Total Total: 27

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 I DUBBI DI UN CATTOLICO    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 19/10/2009 8.54

LETTERA APERTA AL CARDINALE ANGELO BAGNASCO. "EMINENZA MA E' VERO CHE BERLUSCONO BATTE DIO 10 COMANDAMENTI A 0?"

Antefatto. Su un autobus nel centro di Napoli.
Un corteo di protesta blocca la corsa per più di mezz’ora
Un signore di una cinquantina d’anni comincia a leggere ad un altro signore, simile a lui per età e per garbo della persona, una lettera scaricata da Internet che un prete di Genova, un certo Don Paolo Farinella, Le scrisse tempo fa per stigmatizzare il tollerante silenzio della Chiesa sulla moralità del nostro Presidente del Consiglio.
Inevitabile che i pochi passeggeri rimasti come me sull’autobus in attesa di ripartire, prestino orecchio alla lettura sommessamente declamata.
Al termine della lettura si susseguono i primi prevedibili e coloriti commenti nel tipico stile napoletano che sorride anche delle cose più gravi.
Le allusioni ai comportamenti libertini generano inevitabili battute salaci, ma alcuni preferiscono alludere a false testimonianze, a fortune costruite in maniera non limpida e persino a sospette e complesse connivenze mafiose.
In un attimo di silenzio (in quei momenti mia madre diceva che stava passando un Angelo), un bambino di 9 o 10 anni dice ad alta voce:
“Ma allora i 10 Comandamenti di Dio che mi hanno insegnato al Catechismo non valgono più? “
Nell’autobus, il gelo.
Quando una donna, evidentemente la mamma, dice al bambino:
“No figlio mio, qua i grandi, compresi preti, vescovi e cardinali, giornalisti, politici e studiosi, fanno tanti sproloqui mentre se solo si ricordassero ogni tanto di leggere i 10 Comandamenti, e quelli sono solo 10 righe, sarebbe tutto più semplice per capire quello che è giusto e quello che non è giusto”.
Nessun ulteriore commento ad una verità così intensa e limpida.
L’autobus si rimette in moto.
Si susseguono le fermate.
Gente che sale, gente che scende.
Al mio turno anch’io scendo e, a casa, apro Internet e su Google digito: “10 Comandamenti”. Li ritrovo in più siti in bell’elenco.
Mi accorgo, leggendoli, che tutto sommato li ricordavo, ma senza la precisione di quando, da ragazzo, cioè mezzo secolo fa, li avevo imparati.
Parlandone poi con amici e conoscenti ho scoperto che tutti li avevano quasi dimenticati o li consideravano, ormai, precetti superati dai tempi.
Eppure la parola di Dio è la vera pietra di paragone con cui tutti ci dobbiamo misurare.
Tanto più coloro che, ricoprendo cariche pubbliche, hanno il dovere di gestirle con “disciplina ed onore” come dice l’articolo 54 della Costituzione Italiana da Lei mirabilmente ricordato recentemente.
In quella citazione ed in altri Suoi interventi ho rilevato con piacere che, da tempo, Lei si esprime sottolineando quanto sia grande la distanza che l’etica cristiana interpone ai comportamenti che contrastano la morale e l’onore di una vita onesta.
E l’onore o c’è o non c’è.
Non esiste un onore in pubblico che si annulla in privato.
Ho però il timore che il suo pensiero non giunga con chiarezza alla maggioranza delle persone, specie quelle che sono distratte dal prevalente affanno di una vita non facile.
Sono poi pochi coloro che, leggono i giornali più affidabili e, sono meno ancora, coloro che sanno interpretare i pensieri espressi con colta eleganza.
Non sarebbe più comprensibile per tutti “rispolverare” i 10 Comandamenti e rispondere con semplicità alle domande che io mi pongo e che ora Le rivolgo ritenendo che Lei, per il ruolo che autorevolmente ricopre, non possa non sapere tutta la verità sulle vicende italiane che riguardano il nostro Presidente del Consiglio? 
Io sono il Signore Dio tuo:
1. Non avrai altro Dio fuori di me.
2. Non nominare il nome di Dio invano
Ricordo che il Santo Padre, nel recente discorso di Praga, ha proclamato che bisogna “essere onesti, E che buono e onesto è colui che non copre con il suo io la luce di Dio, non mette davanti se stesso, ma lascia trasparire Dio”
Di contro, a parte le allusioni popolari che attribuiscono al nostro una venerazione speciale per il dio denaro e per la propria persona (“sono il miglior premier degli ultimi 150 anni”) ricordo che una sera, durante la trasmissione televisiva “Porta a Porta”, l’Onorevole Berlusconi chiese al conduttore del programma di essere “annusato” per far avvertire anche a lui “l’odore di santità” che promanava dalla propria persona. Santità che ha reclamato scherzando con Lei durante una Mostra di opere d’arte religiosa per la mancanza di un’immagine dedicata a “Santo Silvio da Arcore”.
Blasfemia o solo battute di dubbio gusto?
3. Ricordati di santificare le feste
La battuta è –purtroppo- obbligata: le feste comprendono anche i festini ?
4. Onora il padre e la madre
E sufficiente voler bene ai propri genitori carnali oppure è vero che l’affetto per loro non basta, dovendosi anche onorare i valori ed i principi di ispirazione divina trasmessi a noi da tutti gli uomini buoni che, prima di noi e quali nostri nobili progenitori, hanno ispirato l’evoluzione umana?
5. Non uccidere.
Nelle motivazioni della sentenza di condanna in primo grado all’Onorevole Dell’Utri si parla di trentennali (trentennali !) e comprovati rapporti -non estranei ai suoi amici- con noti appartenenti alla criminalità organizzata. Nel diritto italiano, l’eventuale complicità o la consapevole connivenza con personaggi potenzialmente assassini, è considerata di pari gravità del materiale assassinio. E’ lo stesso per il Comandamento divino ?
6. Non commettere atti impuri.
I comportamenti libertini di cui ci si compiace anche pubblicamente sono perdonabili ai ricchi e potenti?
7. Non rubare.
 Corrompendo o avvalendosi di norme o sentenze di comodo, non merita forse la stessa censura riservata ai ladri ?
8. Non dire falsa testimonianza.
É questo il peccato che si commette giurando pubblicamente il falso sulle proprie vicende (magari sulla testa dei propri figli) o che si compie quando si ricorre ad altrui false testimonianze (come alcuni sostengono possa essere avvenuto nel caso Mills e in altre occasioni)?
9. Non desiderare la donna d'altri.
E’ un Comandamento che prevede eccezioni per i potenti o va interpretato alla lettera ?
10. Non desiderare la roba d'altri.
Nel patrimonio delle persone non ci sono solo cose materiali.
Ci sono anche valori e principi.
Quando si hanno potere e mezzi illimitati e si voglia implementare consenso e potere è possibile desiderare di annullare i principi e i valori degli altri ricorrendo ad ogni sorta di suggestioni mediatiche che esproprino, specie nelle giovani generazioni, ogni libertà di pensiero e di coscienza.
E questo che sta accadendo?
 
In conclusione, ricordo con disappunto una citazione riferita a Sant’Agostino dal Presidente Emerito della Repubblica e Senatore a vita Francesco Cossiga a proposito di una Chiesa “Santa e meretrice” che tra un puro che non porta benefici alla Chiesa ed un peccatore che lo fa, la Chiesa finisce con preferire il peccatore.
Ammesso e non concesso che sia così, ci deve pur essere un limite al meretricio.
Se non altro quello evangelico che ricorda di non dare scandalo ai fanciulli.
Ed io, fanciullo di oltre 60 anni, sono profondamente scandalizzato dalla moralità e dai cattivi esempi del nostro Presidente del Consiglio, Onorevole Silvio Berlusconi.

E Lei ? 

MARONE

Permalink |  Trackback

Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use