Saturday, September 21, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: HermineTownl
New Today New Today: 2
New Yesterday New Yesterday: 0
User Count Overall: 4853

People Online People Online:
Visitors Visitors: 40
Members Members: 0
Total Total: 40

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 Finanziaria, intervista a Pietropaolo (L'Altro Sud): "Una manovra che penalizza il Meridione"    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 18/07/2010 19.37

Finanziaria, intervista a Pietropaolo (L'Altro Sud): "Una manovra che penalizza il Meridione"

http://www.levanteonline.net/italia/politica/2034-finanziaria-intervista-a-pietropaolo-laltro-sud-quna-manovra-che-penalizza-il-meridioneq.html

Il 15  luglio si è avuta al senato la prima votazione sulla maxi-manovra  finanziaria, che se frutterà bene dovrebbe portare nelle tasche dello stato quasi 25 miliardi di euro nei prossimi due anni. E mentre manca poco alla definitiva conversione del decreto in legge (conversione che dovrebbe avvenire entro la fine di luglio), restano ancora molti dubbi e incertezze sugli effettivi benefici che questa legge possa portare in particolar modo al sud, con l'introduzione del federalismo fiscale.

Ne abbiamo parlato con Gaetano Pietropaolo, coordinatore nazionale del partito meridionalista L'Altro Sud, e dottorando di ricerca in economia.

Dunque, dottor Pietropaolo, quali sono le sue impressioni generali sulla manovra?

È una manovra finanziaria restrittiva. Taglia 25 miliardi di euro di spese in un periodo di crisi. E’ qualcosa che gli economisti di qualche anno fa non avrebbero nemmeno concepito. E’ una politica “ciclica”, quando la normalità sarebbe fare politiche anticicliche. Mi spiego: se c’è depressione nei consumi e quindi un basso livello della domanda aggregata la cosa più naturale che dovrebbe  fare un Governo è sostituirsi ai consumi che i cittadini non possono fare aumentando la spesa pubblica (possibilmente con interventi strutturali e non a pioggia)  rilanciando così i consumi e, come si dice, l’economia. Questa manovra invece, di fatto, toglie dalla circolazione un bel po’ di soldi, riducendo i consumi in un momento in cui avremmo bisogno che aumentassero. Certo che questo sarebbe il migliore dei mondi possibili. Sono decenni ormai che a causa dell’eccessivo debito pubblico e dei vincoli del patto di stabilità, non possiamo più permetterci politiche espansive. Insomma, il Governo ha le mani legate. Non può fare altro.


Il ruolo del Governo nelle finanziarie è allora solo quello di tagliare la spesa?

In pratica fin quando non riusciremo a ridurre sostanzialmente il debito pubblico pregresso, si. La speranza è che però tagli in modo equo, facendo pagare di più a chi ha di più, come impone la Costituzione. In realtà, al di là del timido sforzo di tassare le Assicurazioni, non vedo un tentativo in tal senso. Questa manovra, in sostanza, aumenta l’età pensionabile, si abbatte come una scure sul pubblico impiego e riduce i trasferimenti a Regioni (per 8,5 miliardi) ed Enti Locali (per 4,8 miliardi) che non potranno far altro che ridurre i servizi che offrono a danno soprattutto di chi non può pagarseli.

Lei ritiene che questa manovra finanziaria sia sufficiente ad affrontare la crisi in corso,o ci sarà bisogno di ulteriori manovre da oggi al 2012?

Francamente lo spero. Perché se l’andazzo è quello di far pagare sempre ai soliti, non credo che questo paese reggerà a lungo. D’altra parte per capire in quale direzione va la manovra basta leggere i commenti delle parti sociali: la manovra è ok per Confindustria, mentre invece non arrivano giudizi positivi dai sindacati.

Ritiene che questa manovra, privando le regioni dei contributi statali finora avuti,possa portare  a un cambiamento in positivo o in negativo qui al sud? e soprattutto, con il sopraggiungere del federalismo, ci sarà la possibilità di sfruttare meglio i contributi dati alle regioni del sud dalla comunità europea?

Penso che solo un credulone o chi è in malafede possa pensare che da un Governo dove la Lega Nord ha un potenziale di ricatto enorme, possa derivare qualcosa di buono per il Mezzogiorno. Non dimentichiamo che questo è un movimento che fonda le sue radici ed il suo consenso, prima di tutto, sul pregiudizio antimeridionale. Se facesse politiche a favore del Sud, tradirebbe se stesso. Ne sono prova la stangata al pubblico impiego e il taglio dei fondi FAS previsti nella manovra.

Si spieghi meglio...

E’ noto che il pubblico impiego è formato in prevalenza, al Nord come al Sud, da meridionali. Il costo politico di simili tagli, per la Lega, sarà minimo. E non si tratta di interventi indolore: non saranno rinnovati i contratti fino al 2013 e fino a quella data non saranno fatte nuove assunzioni. Considerato che la maggior parte dei contratti sono già scaduti da almeno un anno, il mancato rinnovo porterà ad una riduzione dei salari reali dell’8-10%. Il blocco del turn over, lascia poi nel limbo qualche migliaia di giovani, soprattutto meridionali, che anche se già vincitori di concorso, non saranno assunti prima di 3 anni.

  E i fondi FAS?
Come è noto, i fondi FAS sono fondi per la coesione territoriale. Sono fondi cioè che lo Stato dovrebbe spendere nel Mezzogiorno per puntare al riequilibrio tra le aree geografiche del paese. Negli ultimi tempi però, sono stati utilizzati per le più disparate esigenze. Sono stati definiti da più parti “un bancomat a disposizione del Governo”. Questa finanziaria per giunta li taglia di quasi un miliardo. Evidentemente il riequilibrio delle posizioni Nord-Sud non è una priorità di questa Legislatura.


Quali saranno allora gli effetti sull’utilizzo dei Fondi Europei?          

Tutto ciò renderà ancora meno efficiente l’utilizzo di fondi comunitari da parte delle Regioni. Il principio con cui l’Unione Europea eroga i fondi, è quello dell'aggiuntività: essi cioè si sommano a quelli nazionali. L’UE presuppone che da soli non siano sufficienti e che anche lo Stato nazionale faccia la sua parte. In Italia non è stato seguito questo principio. Lo Stato non ha fatto la sua parte nel cofinanziare gli interventi e negli ultimi anni ha speso i Fondi FAS per pagare le multe delle quote latte, i trasporti marittimi sul Lago di Como o la cassa integrazione ai lavoratori del Nord ad esempio, fino ad arrivare a tagliarli in quest’ultima finanziaria. Se a ciò aggiungiamo i tagli di 8,5 miliardi alle Regioni, viene da pensare che sarà messa in serio dubbio anche la capacità di queste a cofinanziare gli interventi da fare con i Fondi Comunitari.


Secondo lei questa manovra può essere considerata in qualche modo un occasione di sviluppo per il Sud?
Le posizioni Leghiste da anni sostengono che l’unico rimedio per il Sud sia quello di tagliare i fondi perché gli amministratori locali sono incapaci di gestirli. Meglio allora farli gestire ai più capaci amministratori del Nord. E non pochi meridionali sembrano condividere quest'idea: è vero, non siamo capaci di amministrarci, sprechiamo tanto, qui non cambia mai niente. Peccato che tutte queste opinioni siano espresse spesso senza portare alcuna prova documentata. Lo sviluppo del Sud può avvenire solamente con politiche di spesa, non di tagli. Si badi bene, con questo non voglio dire: come si spende si spende, basta che si spende! Una delle cause del ritardo del Mezzogiorno è stato proprio l’eccesso di spesa improduttiva (sia nazionale che locale). Il Sud ha bisogno di politiche competitive (cioè strutturali) e non compensative, come spesso è accaduto. Abbiamo bisogno di investimenti infrastrutturali che ci facciano cogliere l’occasione di sviluppo Euromediterranea, investimenti nella ricerca che rendano le nostre aziende innovative e competitive, e investimenti nelle fonti energetiche rinnovabili, nelle quali sembra che possiamo giocare un ruolo importante.


Un ultima domanda: molte università, in seguito ai tagli imposti dalla manovra,hanno optato per uno "sciopero bianco", interrompendo esami, sedute di laurea, e alcune pensando addirittura di bloccare le iscrizioni per l'anno prossimo:ritiene che sia una reazione eccessiva da parte degli atenei,o un adeguata risposta ai tagli inflitti?

La manovra prevede per il MIUR un taglio, come per tutti gli altri Ministeri del 10% e l’abolizione degli scatti d’anzianità dei ricercatori. Ovviamente una riduzione degli stipendi ci porterà ad avere una classe di ricercatori ancora più demotivata. Inoltre, è immaginabile un taglio al fondo per i PRIN (Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale). Il che si tramuterà in una riduzione della ricerca prodotta dalle nostre Università. La reazione dei ricercatori sembra allora legittima. Certo che con questo non voglio dire che l’Università non abbia bisogno di riforme, ma il Governo non sembra interessato a fare quelle che servono. Una modifica ad esempio dei criteri di selezione dei ricercatori sembra essere urgente. Meno “figli d’arte” in giro per le Università, credo che renderebbe più credibile questa istituzione da cui sembra sempre più dipendere il futuro di paesi che vogliono giocare un ruolo di protagonisti nel competitivo mondo di oggi.
Permalink |  Trackback

Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use