Saturday, September 21, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: HermineTownl
New Today New Today: 2
New Yesterday New Yesterday: 0
User Count Overall: 4853

People Online People Online:
Visitors Visitors: 34
Members Members: 0
Total Total: 34

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 SUD. DISOCCUPAZIONE E PROSPETTIVE.    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 16/04/2010 21.54

SUD. DISOCCUPAZIONE E PROSPETTIVE.

di Nicola Perrini

La disoccupazione in Italia si è attestata, nel 2009, al valore dell’8% , con un aumento dell’ 1% rispetto all’anno precedente (fonte: ISTAT).
Alcune zone d’Italia hanno valori particolarmente bassi di disoccupazione e tra queste la provincia di Bolzano (2,6%), l'Emilia Romagna e la provincia di Trento (entrambe 2,9%), la Val d'Aosta (3,2%), il Veneto (3,3%), il Friuli Venezia Giulia e la Lombardia (entrambe al 3,4%), portandosi ai primi posti della classifica europea; le regioni del Sud Italia hanno valori di disoccupazione superiori alla media europea: la Sicilia (13%), la Campania, la Puglia e la Calabria (11,2%) , la Sardegna (9,9%) e la Basilicata (9,5%). Per la disoccupazione giovanile, la situazione è ben più grave: Campania e Sardegna (entrambe al 32,5%), Puglia (31,8%), Calabria (31,6%) e Basilicata (31,4%) (fonte: EUROSTAT).
 
Ciò significa, inequivocabilmente, che i nostri giovani migliori saranno costretti ad emigrare, portando le loro intelligenze altrove ed impoverendo ulteriormente le nostre terre. 
 
Allora cerchiamo di scoprire alcune delle cause di questo forte divario Nord-Sud , esaminando altri dati.
 
La classifica di Mediobanca, ben 124 pagine pubblicate di recente, mette a confronto i fatturati 2006 e 2007 delle principali società industriali e di servizi operanti in Italia.
Bene, anzi male: di queste società e segnatamente di quelle che occupano le prime posizioni, la stragrande maggioranza ha sede al Nord e lì ha la testa e le maggiori attività; alcune imprese hanno la sede principale a Roma, avendo però spesso uffici importanti in Lombardia, mentre in rari casi le sedi sono al Sud.
Ma molte imprese, che operano nell’intero territorio nazionale, non hanno scelto autonomamente la propria sede principale. Alcune di esse, già con sede nelle regioni del Nord, sono state scelte dalla politica per operare in tutta Italia, in regime di monopolio, per decenni. Finito il periodo di monopolio, le stesse si sono trovate ad operare in posizione dominante, con indubbi vantaggi rispetto alla concorrenza.  
Notiamo poi che le principali banche, le assicurazioni, gli importatori dei principali beni di consumo (automobili, Televisori, ecc.) hanno sede nel Nord Italia.
 
Ciò significa che le popolazioni meridionali sono costrette a versare quotidianamente una quota significativa dei propri bilanci a società che operano nel Nord, lì hanno le sedi e gli uffici principali, lì contribuiscono allo sviluppo economico. Ciò alimenta un circolo vizioso che penalizza sempre di più un’intera macroregione. Questa dovrebbe avere una sua autonomia economica che attualmente non ha.
 
Anche la spesa pubblica è squilibrata: nelle regioni a statuto speciale del Nord la spesa pro capite è di 8.500 € , in Lombardia di 7.300 € , nel resto delle regioni del Nord di 6.000 € , nelle regioni a statuto speciale del Sud di 6.300 € , nel resto del Sud di 5.300 € (fonte: Elaborazione di Panorama su dati Istat e Ragioneria generale dello Stato).
 
Secondo l’ANSA, nel 2007 lo Stato ha erogato pagamenti per circa 629 miliardi di euro: é il Nord che assorbe più risorse, quasi quanto Centro e Sud assieme. E' una cifra che comprende la spesa per attività quali l'istruzione, la difesa del territorio, le prestazioni assistenziali, la sicurezza. Lo rileva il rapporto “La spesa statale regionalizzata” , realizzato dalla Ragioneria generale dello Stato. Alle Regioni del Nord sono andate circa il 43% delle risorse; al Centro circa il 30% e al Sud solo il 27%.
 
 
Dall’esame dei dati sopra riportati emerge una realtà drammatica ed un forte squilibrio che consiglierebbe a qualsiasi governo di correre immediatamente ai ripari, risolvendo in via definitiva l’annoso problema.
 
Ma perché ciò accada, le popolazioni meridionali dovrebbero essere ben consapevoli della situazione, assolutamente non rassegnate ad un ruolo marginale e pronte a richiedere con forza all’intera classe politica di mettere il problema al primo posto dell’agenda.
 
E che cosa dovrebbe concretamente fare un governo per riequilibrare una situazione così drammaticamente squilibrata ? Potrebbe operare secondo la seguente scaletta:
 
1. Intervenire sulla pubblica amministrazione, affermando i valori della competenza e del merito, facendo in modo che la stessa operi effettivamente al servizio del cittadino e nell’interesse della collettività;
2. Favorire gli investimenti per attività produttive, di beni e di servizi, di aziende disposte ad avere la propria sede principale nel Sud ed a contribuire allo sviluppo del territorio;
3. Migliorare le infrastrutture, portandole a livelli europei;
4. Contrastare efficacemente la criminalità organizzata, che attualmente costituisce un enorme freno allo sviluppo economico.
 
Per il punto 1, si riporta l’intervento di Francesco Saverio Coppola, direttore dell’SRM (Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno): “Il problema primario del Sud Italia è la riforma e l’innovazione della Pubblica Amministrazione, senza la quale sarà quasi impossibile invertire il destino del Meridione” e quello del Prof. Vincenzo Fazio, ordinario di Politica Economica dell’Università di Palermo: ”Per fare immediati passi avanti bisogna eliminare gli ostacoli che è la Pubblica Amministrazione a porre nella gestione delle risorse e nella gestione del sostegno alle imprese”. (Entrambi gli interventi si riferiscono al dibattito sulla presentazione del XVIII Report Sud della Fondazione Curella e del Diste).
 
Per il punto 2, si può pensare alla fiscalità di vantaggio, fermi restando i vincoli europei sulla concorrenza, evitando di adottare le gabbie salariali o provvedimenti analoghi camuffati sotto altro nome, che di fatto condannerebbero il Sud alla definitiva marginalizzazione.
Inoltre, quando si sente parlare di chiusura di stabilimenti, segnatamente Fiat di Termini Imerese oppure di Pomigliano d’Arco, si è portati a pensare: in un periodo di affermazione del federalismo fiscale, sono ancora prevalenti gli interessi nazionali che consigliano di “non attrarre” investimenti stranieri nel campo automobilistico (mi vengono in mente interessamenti tedeschi e giapponesi a costruire stabilimenti produttivi nel nostro territorio), oppure ogni regione opera nel proprio esclusivo interesse, curando solo il proprio bilancio ?
 
Per il punto 3, nell’affermare l’importanza di moderne infrastrutture, si precisa che le stesse vanno pensate per il territorio, nell’interesse delle imprese e dei cittadini e non nella vecchia logica della spesa pubblica, fine solo all’alimentazione del sistema clientelare, che tanti danni ha prodotto nelle coscienze delle persone, prima che nella funzionalità dell’intero sistema.
 
Per il punto 4, occorre dire a chiare lettere che un adeguato sviluppo del territorio e la concreta possibilità per i nostri giovani di trovare un lavoro dignitoso, costituiscono un prerequisito essenziale, senza il quale la lotta al malaffare è difficilissima e di esito effimero.
 
Permalink |  Trackback

Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use