Thursday, June 20, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: ColeWales98
New Today New Today: 1
New Yesterday New Yesterday: 2
User Count Overall: 4790

People Online People Online:
Visitors Visitors: 29
Members Members: 0
Total Total: 29

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 LA GRANDE ILLUSIONE DEL NORD.    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 02/02/2010 23.10

LA GRANDE ILLUSIONE DEL NORD
UNA SCONVOLGENTE INDAGINE SUL FENOMENO MAFIOSO NELL'ITALIA SETTENTRIONALE

"Hanno parlato di mafia, ma per noi del Nord la mafia è un fenomeno lontano. Senza contare che il novanta per cento dei mafiosi è in carcere e quindi la criminalità organizzata è sotto controllo".
                                                                                                   Silvio Berlusconi (Presidente del Consiglio)
 
 
"I terroni hanno scelto di vivere sotto l'oppressione di una classe dirigente solo politica, la mafia. Loro hanno scelto questo regime, se lo tengano. La Padania di qua, il Sud e la mafia di là."

 

Umberto Bossi (Ministro)

 

"Così finalmente, tirato su il muro del Po, ho potuto chiamare i Meridionali con il loro nome…terroni."

Roberto Calderoli (Ministro)

                                                                                                        
Per il sostituto procuratore antimafia Vincenzo Macrì "Milano è la capitale delle cosche" e, insieme alla sua provincia, è già da molto tempo il crocevia europeo del traffico di eroina, cocaina e droghe sintetiche. Per gli addetti ai lavori, la Lombardia è considerata la quarta regione a più alta densità mafiosa d'Italia.
 
In Lombardia il potere della mafia si estende ovunque e tutto controlla. Dal riciclaggio di enormi flussi di danaro sporco al traffico di stupefacenti. Dai ristoranti, bar, panetterie, pub, sale scommesse, autorimesse, commercio auto, parrucchieri, ristoranti, sale giochi, pompe di benzina, sale bingo, discoteche, night club, locali da ballo, alle società finanziarie. Dallo stoccaggio e smaltimento dei rifiuti, servizi di facchinaggio e pulizia, società di trasporto, cimiteri, servizi alberghieri, imprese edili, movimento terra ai centri commerciali. Dall'infiltrazione dell'Ortomercato di Milano, trasformato secondo gli inquirenti in un'enorme piazza per lo smercio di stupefacenti,
alle estorsioni. Dalla gestione di centinaia d'immobili abusivi alla bonifica dei territori.
Con un vero e proprio apparato militare le maggiori organizzazioni criminali si sono estese in Lombardia e si stanno consolidando irreversibilmente nel territorio.
 
Già agli inizi degli anni degli anni '70, Cosa Nostra sceglieva proprio Milano come città ideale per i propri affari, convocando spesso importanti vertici con i maggiori boss mafiosi. Mentre dagli anni '80 incominciava l'avanzata travolgente della 'ndrangheta e, successivamente, quella della Camorra, prima cutoliana e poi casalese.
Dappertutto le mafie sono presenti nella città di Milano, occupando progressivamente interi settori della vita economica e politico-istituzionale. In particolare nei quartieri di Quarto Oggiaro, Bruzzano e Comasina e nelle zone limitrofe di Cesano Boscone, Rozzano, Buccinasco (qui il controllo mafioso è pressoché totale), Trezzano sul Naviglio, Assago, Corsico, San Vittore Olona, Gaggiano, Bollate, Pioltello, Busto, Bareggi, Pogliana. E, poi, nelle aree del Lago di Garda, Como, Monza, Lecco, Pavia, Lodi, Varese, Brescia.
L'enorme richiesta di cocaina del capoluogo lombardo, che detiene il triste primato di cocainomani (sono oltre 120.000 i cittadini milanesi che fanno uso più o meno stabile di cocaina) determina l'agire spavaldo di una pluralità di bande criminali straniere: albanesi, lituane, turche, kosovare, tunisine, rumene, marocchine, serbe e sudamericane. Nel contempo, numerose mafie straniere, come quella cinese, nigeriana, rumena e moldava, si spartiscono la piazza milanese e lombarda assediandole con piccoli eserciti di narcotrafficanti senza scrupoli. Una situazione definita molto preoccupante.
"Milano e la Lombardia" afferma il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Francesco Forgione "rappresentano la metafora della ramificazione molecolare della 'ndrangheta in tutto il Nord: dalle coste adriatiche della Romagna ai litorali del Lazio e della Liguria, dal cuore verde dell'Umbria alle Valli del Piemonte e della Valle d'Aosta…".
E, se la Lombardia è ampiamente colonizzata dalle varie mafie, la situazione non è molto diversa nelle altre regioni del Nord.
Il Piemonte, ad esempio, è massicciamente controllato dalla 'ndrangheta: da Torino la più presidiata dalle 'ndrine (dove si diffonde il cancro del racket), alla sua provincia. Comuni come Settimo Torinese, Chiasso, la zona del Canavese, Volpiano, Lein, Ciriè, Courgnè, Chivasso, Valle di Susa, Rivarolo, Randizzo, Orbassano, Beinasco, Cittanova, Albenga, vedono la presenza stabile delle organizzazioni mafiose che gestiscono molte attività: dalla droga al racket e agli appalti. Lungo è, poi, l'elenco delle altre città piemontesi invase dalle 'ndrine: Asti, Alessandria, Biella, Vercelli, Cuneo, Novara, Verbania. Il comune piemontese di Bardonecchia è stato inoltre sciolto per infiltrazione mafiosa.
Per il pm Vincenzo Macrì " in Piemonte e Lombardia la 'ndrangheta ha creato una sorta di cupola del Nord".
 
Non sfuggono all'invasione mafiosa neanche la Valle d'Aosta, dove operano almeno nove cosche; la Liguria, presidiata da Cosa Nostra, 'ndrangheta e gruppi camorristici; il Triveneto dove operano soprattutto mafie straniere; l'Emilia Romagna dove quasi tutte le provincie sono interessate dalla presenza mafiosa e infestate da bande nigeriane, serbe e rumene: da Piacenza, Modena, Forlì, Rimini, Reggio Emilia a Parma (vedi il caso Bazzini) e Salsomaggiore; La Toscana dove 'ndrangheta, Camorra, mafia cinese (Firenze e Prato), albanese (Pisa), russa, aumentano progressivamente il loro dominio. E, poi, fenomeni analoghi si ritrovano in quasi tutte le regioni italiane comprese l'Umbria, le Marche, l'Abruzzo e il Molise.
 
Dunque, come affermava nel lontano 1992, il settimanale tedesco "Der Spiegel" "Mafia. land Italien". Italia è terra di mafia.
Alla luce di questi dati, quindi, sembrano ridicole e per certi versi irresponsabili le affermazioni dei nostri governanti - quasi tutti settentrionali - sostenute da una altrettanto ottusa convinzione di una buona parte dell'opinione pubblica del Nord, secondo la quale la mafia è un problema solo del Mezzogiorno e, pertanto, meglio separarsi da quest'ultimo.
Le mafie sono un problema di tutti e nessuno può tirarsene fuori. Più il Meridione viene abbandonato a se stesso, tra povertà, disoccupazione e degrado sociale, e più le organizzazioni criminali si trasferiscono e si diffondono massicciamente nel resto del Paese. Non saranno certo poche centinaia di chilometri a salvaguardare l'indefinita Padania, oramai anch'essa terra di mafia.
 
Ma la verità che i cittadini settentrionali, i loro media, i loro imprenditori e i loro eccentrici rappresentanti politici, cercano tenacemente e disperatamente di nascondere, è che anche il Nord ha imparato presto a convivere con la mafia e a fare affari con essa.
Molti professionisti e imprenditori dell'Alta Italia stabiliscono accordi con i vari clan esistenti sul territorio. Utilizzano capitali sporchi per le loro attività, reinvestono e si spartiscono i proventi delle estorsioni e del traffico di droga, ordinano attentati contro imprenditori concorrenti, chiedono protezione, si rendono disponibili ad affidare subappalti totalmente in nero (vedi il caso della Locatelli SPA), reinvestono il grande flusso di danaro ricavato dalla cocaina. Si servono delle cosiddette "cartiere", in pratica società-schermo che producono fatture false per evadere nel Nord le tasse.
Afferma Fabio Salamone, Procuratore di Brescia: "Al Sud c'è omertà per paura, al Nord comincia ad esserci omertà per interesse".
Ormai, come già avvenuto nel circondario di Milano, è evidente anche l'infiltrazione mafiosa nella politica e nelle amministrazioni locali del Nord. E colpisce come le organizzazioni criminali trovino sempre più facilmente complicità e appoggi nella società civile di questa parte d'Italia.
Numerosi sono i professionisti che mettono volentieri a disposizione i loro studi ed uffici attirati dal fascino perverso del guadagno criminale, mentre si saldano sempre più i rapporti tra cosche ed esponenti del mondo finanziario, bancario e istituzionale.
Il profondo radicamento della mafia in terra padana è favorito così anche dalla crescente complicità locale, e rende la presenza della criminalità organizzata parte integrante del territorio. Le recenti vicende dei rifiuti in Campania testimoniano lo stretto rapporto esistente tra crimine e imprenditori del Nord. 
 
Così mentre la verde e pittoresca "armata leghista", avanguardia rumorosa di quel fronte nordista, fatto di falsi benpensanti, cittadini indignati e razzisti, politici e imprenditori sostenitori dell'apartheid geografica, predica la secessione per difendere un'inesistente verginità territoriale, in realtà, il Nord è già diventato colonia mafiosa, dove i padani "duri e puri", convivono nel silenzio dell'omertà e dell'ipocrisia, stringendo accordi e facendo affari di ogni genere con l'Antistato.
L'illusione del Nord è proprio questa: credere e far credere che il male sia solo al Sud, mentre la bestia mafiosa sta divorando voracemente anche la loro dignità e i governanti di questo paese, che loro hanno espresso, pian piano affondano nella melma della complicità mafiosa.
 
Mafia è al Sud. Mafia è al Nord. Solo se si prende atto concretamente di questo dato si può, tutti insieme, cercare di dare all'Italia unita un futuro di legalità e di dignità basato sulla collaborazione tra tutti i cittadini, senza cercare di rifugiarsi nel delirio di un'inesistente illibatezza regionale.
 

                                               Antonio Gentile

©Tutti i diritti appartengono a L'Altro Sud-UDS
Permalink |  Trackback

Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use