Thursday, August 06, 2020   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: NevaSherer06
New Today New Today: 5
New Yesterday New Yesterday: 4
User Count Overall: 5230

People Online People Online:
Visitors Visitors: 24
Members Members: 0
Total Total: 24

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 UN MODELLO SBAGLIATO    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 01/04/2020 19.26

UN MODELLO SBAGLIATO

"L'emergenza coronavirus sta evidenziando l'inadeguatezza di un modello di sviluppo che sembrava l'unico possibile. Un sistema badato solo sul profitto, nel quale anche la ricerca e l'innovazione devono essere indirizzate verso il guadagno e non il beneficio collettivo e la liberazione dell'umanità dalla fatica e dalle malattie. Da troppo tempo si è perseguito l'obiettivo di togliere qualsiasi funzione al pubblico imponendo l'ideologia secondo la quale solo il privato serve ed è efficiente. Oggi vediamo come questo pensiero unico sia non solo ingiusto ma sbagliato. I tagli alla sanità pubblica in posti letto, strutture, personale e la progressiva precarizzazione del lavoro e della vita dei cittadini hanno ingigantito il problema di un'epidemia nuova e difficile da curare.

Un'epidemia che ha imposto la “quarantena” a tutto il paese. Si resta a casa impauriti e sgomenti. Sembra di vivere in uno di quei film catastrofisti che spesso abbiamo visto con qualche disagio. Ma quella, lo sapevamo, era finzione. Oggi la stiamo vivendo. E cominciamo a vedere i “danni collaterali” di quella che molti definiscono “guerra”.

C'è la notizia di un giovane lavoratore precario morto suicida nel nord e di un'altra infermiera a Milano. Uccisi dalla precarietà e dal sofferenza. Perché anche se si scrive di uno stato di depressione, il disagio del lavoratore è stato reso insopportabile dal licenziamento a causa della crisi dovuta al coronavirus. Forse ce ne rendiamo conto solo adesso ma abbiamo “regalato" a tutti e in particolare ai giovani la disperazione. Una società spietata (non competitiva, proprio spietata) che ci ruba il futuro trasformandolo nella necessità del profitto non ha nulla a che fare con l'umanità. Questo lavoratore si è ucciso perché il sistema con le sue regole infami ci costringe da troppo tempo alla mancanza di felicità.

Si legge di una rabbia crescente e di “assalti” ai supermercati. Qualcosa di cui preoccuparsi, soprattutto se è vero che sono organizzati da quel capitalismo parallelo ed estremo rappresentato dalla malavita organizzata.

Si abbia però coscienza che questo è il risultato di una politica che ha permesso e incentivato la disuguaglianza sociale, che non ha distribuito ricchezza ma la ha concentrata in una minoranza di privilegiati ricchissimi. Una politica che ha permesso e incentivato lo sfruttamento delle persone e dell'ambiente. Un sistema per il quale si deve lavorare in pochi e sempre di più e a costi sempre minori. È un modello di sviluppo spaventoso nel quale il lavoro nero è una forma abituale di lavoro e si può inquinare e distruggere l'ambiente impunemente perché tanto nessuno mai verrà punito. Per noi de #L'Altro Sud è la conferma di una società sbagliata e ingiusta che ha degradato la dignità umana.

Così, in un momento di emergenza e di chiusura delle attività non necessarie alla sopravvivenza, la mancanza di garanzie di lavoro e di retribuzione diventa devastante. Il risultato può essere rassegnazione o diventare rabbia. E la rabbia di persone che non hanno di che mantenersi, che lavoravano in nero e che, oggi, sono prive di reddito, è qualcosa di logico e prevedibile.

In una società “ricca” e “civile” come la nostra non è comprensibile (e tanto meno ammissibile) che circa il 10% della popolazione versi in stato di completa povera e che soffra letteralmente la fame. E non si può pensare neppure di risolvere la cosa con qualche elemosina necessaria, forse, a superare la contingenza ma non sufficiente a risolvere il problema. E non si può pensare di continuare, finita l'emergenza, con le pratiche oscene di un sistema inumano. Ci vogliono trasformazioni profonde, strutturali, e obiettivi completamente diversi da quelli del capitalismo trionfante.

Siamo nel mezzo di una “guerra”, sostengono in tanti, contro un nemico invisibile e pericoloso. Lo dobbiamo sconfiggere con l'unità e la solidarietà di tutti. E anche questa necessità evidenzia la brutalità del sistema nel quale stiamo vivendo. La parola solidarietà è stata cancellata dal vocabolario del capitalismo globale, sostituita da termini quali competizione, mercato, finanza, profitto, individualismo …

Quelli che vediamo (morte, suicidi, rabbia, rassegnazione) sono danni collaterali del coronavirus? Forse, ma quello che è sicuro è che sono il prodotto di un sistema che ha mostrato, proprio nel momento del bisogno, il suo vero volto inadeguato, spietato, inumano."

www.laltrosud.it
laltrosud@laltrosud.it
Per collaborare con L'Altro Sud-UDS come collaboratori dell'informazione, scrivere a: ufficio.stampa@laltrosud.it

Permalink |  Trackback

Comments (7)   Add Comment
Re: UN MODELLO SBAGLIATO    By Michele on 26/04/2020 18.34
Bastardi, pensano solo al profitto, al dio danaro vedi la Lombardia leghista che fine ha fatto. Cinici usurai che hanno sfruttato migliaia di anziani e di poveracci. Fontana il governatore lombardo leghista andrebbe giudicato da un tribunale del popolo, e pensare che esaltavano il modello Lombardia per favorire il trasferimento di migliaia di cittadini del Sud per incassare miliardi dalle regioni meridionali.

Re: UN MODELLO SBAGLIATO    By Luca Piantedosi on 27/04/2020 19.05
Grazie per la vostra analisi e per i vostri valori............................siete sempre i migliori

Re: UN MODELLO SBAGLIATO    By Luciano on 19/05/2020 19.18
Sante parole le vostre ma quanti se ne rendono conto?

Re: UN MODELLO SBAGLIATO    By Maria Di Biase on 04/06/2020 19.31
anche durante la pandemia i poveri sono stati lasciate a se stessi tanto non servono, è meglio che muoiano di stenti e infezioni

Re: UN MODELLO SBAGLIATO    By Patrizia Grasso on 15/06/2020 18.10
Il sistema è sbagliato e va cambiato radicalmente

Re: UN MODELLO SBAGLIATO    By Giusy on 19/06/2020 17.45
bene Michele la Lombardia con un personaggio ridicolo e irresponsabile come Fontana ha perso ogni credibilità, quello li va cacciato insieme a tutta la cricca leghista

Re: UN MODELLO SBAGLIATO    By Massimo Colonna on 20/06/2020 17.51
il modello della sanità lombarda è basato sul profitto, della gente comune non gliene frega niente, è solo una enorme montatura mediatica per spellare i poveri cristi che si fanno ammaliare. Il Sud ha dimostrato di essere competente e soprattutto solidale ed equo.<br>W il Sud!


Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
Archive
<August 2020>
SunMonTueWedThuFriSat
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Monthly
June, 2020
April, 2020
March, 2020
February, 2020
January, 2020
May, 2019
March, 2019
January, 2019
November, 2018
October, 2018
June, 2018
May, 2018
April, 2018
February, 2018
November, 2017
October, 2017
August, 2017
May, 2017
March, 2017
February, 2017
December, 2016
September, 2016
July, 2016
January, 2016
December, 2015
November, 2015
October, 2015
September, 2015
August, 2015
June, 2015
May, 2015
April, 2015
March, 2015
February, 2015
January, 2015
December, 2014
November, 2014
October, 2014
September, 2014
August, 2014
July, 2014
June, 2014
May, 2014
April, 2014
March, 2014
February, 2014
January, 2014
December, 2013
November, 2013
October, 2013
September, 2013
July, 2013
June, 2013
May, 2013
April, 2013
March, 2013
February, 2013
January, 2013
December, 2012
November, 2012
October, 2012
September, 2012
August, 2012
July, 2012
June, 2012
May, 2012
April, 2012
March, 2012
February, 2012
January, 2012
December, 2011
November, 2011
October, 2011
September, 2011
August, 2011
July, 2011
June, 2011
May, 2011
April, 2011
March, 2011
February, 2011
January, 2011
December, 2010
November, 2010
October, 2010
September, 2010
July, 2010
June, 2010
May, 2010
April, 2010
March, 2010
February, 2010
December, 2009
October, 2009
September, 2009
August, 2009
July, 2009
June, 2009
May, 2009
April, 2009
March, 2009
February, 2009
January, 2009
December, 2008
October, 2008
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use