martedì 17 settembre 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Stampa   
 La bustina suddista    
   
 Stampa   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Stampa   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Stampa   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Stampa   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Stampa   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Stampa   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Stampa   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Stampa   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Stampa   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Stampa   
 UsersOnline    
Iscritti Iscritti:
L'ultimo utente Recente: NannieAlber
Nuovi utenti di oggi Nuovi utenti di oggi: 0
nuovi utenti di ieri Nuovi utenti di ieri: 0
Utenti contati Complessivamente: 4850

Persone On-line Persone Online:
Visitatori Visitatori: 30
Membri Iscritti: 0
Totale Totale: 30

Online adesso Adesso Online:
   
 Stampa   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Stampa   
 New_Blog    
Devi loggarti ed avere i permessi per creare o modificare un blog.
   
 Stampa   
 Blog_List    
   
 Stampa   
 TRA PARADISO E INFERNO    
Luogo: BlogsL'ALTRO SUD    
Inviato da: 242658@aruba.it 14/05/2014 17.27

TRA PARADISO E INFERNO

di Antonio Gentile

 Da qualche tempo si parla con insistenza di nuove povertà e di nuova disoccupazione. Queste ultime, frutto dei processi di riorganizzazione produttiva e degli effetti secondari dello Stato sociale, rivelano l'evidente incapacità delle moderne società avanzate di assicurare il godimento dei diritti fondamentali del cittadino a tutti gli uomini entro i propri confini. I diritti civili sono, in realtà, diventati un privilegio di una maggioranza (sempre più relativa) che possiede il lavoro e gli strumenti adeguati a difendere la propria posizione. Fuori di questa si è formata una nuova sottoclasse, una "lumpenproletariat" di poveri e disoccupati, non facente parte di nessun movimento rivoluzionario, una specie di categoria sociale che non genera una nuova lotta di classe in grado di sfidare i gruppi dominanti, ma che si esprime come un esercito di riserva disponibile solo ad occasionali manifestazioni di rivolta. Inoltre, negli ultimi anni, tra questa maggioranza e la sottoclasse, tra impiegati e disoccupati di lunga durata si è creata una particolare crescente categoria di semigarantiti, una zona grigia di "cittadini intermedi precari" che potrebbe costituire uno dei maggiori problemi sociali legati al deterioramento delle condizioni economiche. Ma al di là di ogni utopico proclama di piena occupazione, la verità è che nessuno ha il coraggio di affermare che la forza lavoro dei disoccupati è del tutto inutile e che, per promuovere la crescita economica programmata, noi non abbiamo bisogno dei disoccupati, che tali rimarranno. A suo tempo Keynes affrontava il problema della disoccupazione in una situazione di scarsità (unemployment amidst dearth), mentre il nostro problema, oggi, è la disoccupazione in una situazione d'abbondanza (unemployment amidst affluence), che spinge i disoccupati nel cono d'ombra della società postindustriale. Va, poi, aggiunto che la tendenza a snaturare le prestazioni sociali in precarie concezioni caritatevoli o di regalo, basate su estese verifiche dello stato di bisogno (deserving poor), allontanandosi dalla necessità di garantire i diritti civili a tutti, non potrà che accrescere l'esclusione dal mondo della maggioranza privilegiata, allargando nella nostra società il confine tra paradiso ed inferno.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Permalink |  Messaggio di ritorno

Commenti (7)   Aggiungi Commento
Re: TRA PARADISO E INFERNO    Da Catello a 15/05/2014 13.46
Io essendo precario purtroppo appartengo all'inferno, e lì rimarrò. Che vita di me........!!!!!!

Re: TRA PARADISO E INFERNO    Da Fronte di Liberazione a 16/05/2014 10.25
oggi milioni di persone vivono nell'inferno sociale della disoccupazione e della miseria eppure questo paese di corrotti e marioli fa entrare decine di migliaia di extracomunitari senza identità e garanzie. centinaia di migliaia di posti di lavoro vengono sottratti ai nostri che anzi sempre più devono emigrare all'estero. è una follia a danno dei cittadini italiani che vivono nell'insicurezza e nel disagio. questa italia non esiste ed è solo una enorme buffonata.

Re: TRA PARADISO E INFERNO    Da Barbara a 16/05/2014 16.32
Molto interessante questa analisi che mi convince sempre di più che tutti noi viviamo in un paese dove regnano indisturbati ingiustizia e sopraffazione.

Re: TRA PARADISO E INFERNO    Da Francesco a 18/05/2014 16.16
Ragazzi miei Grillo ha ragione questo è un paese di mafiosi e di abusivi, bisogna mandarli tutti al diavolo. Quella 'lumpenproletariat' di cui si parla esplicitamente nel post è ormai maggioranza e se non è ancora esplosa la si deve solo a Cinque Stelle. Grillo riconosce il diritto dei popoli all'autogestione e alla propria identità......fa proprio al caso nostro non vi pare?

Re: TRA PARADISO E INFERNO    Da @nestor a 20/05/2014 16.16
caro Francesco non so Grillo potrà fare qualcosa per questo INFERNO che è diventata la nostra società. Molti hanno fatto promesse e poi......Comunque rappresenta qualcosa di dirompente e questo va bene.

TRA PARADISO E INFERNO    Da NDFE a 20/05/2014 16.44
L'unificazione europea ha portato pace, democrazia e benessere in un continente impoverito e devastato da due guerre mondiali. Oggi, però, l'Unione europea non sa rispondere alle sfide che la investono. Per questo occorre cambiare. Non siamo più disposti ad accettare questa Europa della disoccupazione, del lavoro precario e sottopagato, del taglio delle protezioni sociali, della povertà crescente, del declino economico e sociale, della fine delle speranze. Chiediamo una svolta nelle politiche dell'Unione Europea, verso un'Europa della solidarietà sociale, dello sviluppo sostenibile, della democrazia partecipativa. Chiediamo un grande New Deal europeo per vincere la crisi e riacquistare competitività. Chiediamo gli Stati Uniti d'Europa: non solo un'economia, ma un vero governo comune con responsabilità e poteri condivisi in grado di parlare “con una sola voce” al mondo.<br>

Re: TRA PARADISO E INFERNO    Da Lucia a 23/05/2014 16.10
Vi prego non voglio morire sotto l'occupazione italiana. Basta con Berlusconi, Renzi, Alfano, Napolitano etc.....Voglio essere libera nella mia terra liberata da questi invasori che ci hanno saccheggiato di tutto. Questo non è più un sogno, dipende solo da noi. vorrei mettere su casa in questo sito, solo qui mi trovo a casa mia, nella mia terra , tra la mia gente, senza eccessi ma sempre con stile e sapienza...........vi pago anche l'IMU! Bacioni a tutti


Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento   Annulla 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Stampa   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Stampa   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Stampa   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Condizioni d'Uso