Thursday, September 19, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: MervinSchmit
New Today New Today: 0
New Yesterday New Yesterday: 0
User Count Overall: 4851

People Online People Online:
Visitors Visitors: 21
Members Members: 0
Total Total: 21

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 FAR RIPARTIRE IL SUD    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 22/03/2014 21.13

FAR RIPARTIRE IL SUD

  Se consideriamo l’Europa la situazione nel Sud Italia è ancora più drammatica. Negli ultimi 5 anni il PIL è sceso di 6 punti. E oltre 2/3 del 600.000 posti persi in Italia con la crisi sono nel Sud. 

Eppure, tra il 2000 e il 2013 sono stati destinati al Meridione circa 80 miliardi di fondi strutturali Ue, incluso Il cofinanziamento nazionale, senza contare la politica agricola. Malgrado queste ingenti risorse, il divario di sviluppo tra Mezzogiorno e le altre aree del Paese e dell’Ue si è allargato. L'emergenza Sud cresce nelle cronache anche per il numero di crisi aziendali che qui assumono maggiore drammaticità per la mancanza di alternative. Situazioni diverse, ma accomunate da un contesto sfavorevole alla competitività, con poche infrastrutture, alti costi energetici, scarsa attenzione alla sostenibilità. E altri mali storici: criminalità, economia sommersa, inefficienza della pubblica amministrazione, tempi della giustizia, ritardi di pagamento, difficoltà di accesso al credito, formazione non sempre all'altezza…

Far ripartire il Meridione è indispensabile per uscire dalla recessione. Bisogna dunque puntare su un "Piano crescita" in una dimensione europea che metta in campo tutte le risorse disponibili e dia priorità alle infrastrutture.

Questo Piano deve partire dal migliore utilizzo dei fondi strutturali ancora disponibili nell'attuale programmazione e dare una prospettiva di lungo periodo, tracciando le linee programmatiche per i fondi 2014-2020. In sinergia con gli investimenti della BEI e altri fondi Ue per la competitività che la Commissione ha proposto di aumentare: da 54 a 80 miliardi per Orizzonte 2020, il raddoppio dei fondi di Cosme per accesso al credito, e da 14 a 50 miliardi per le infrastrutture.

PUNTARE SU VERE PRIORITA'

 Se la ricetta generale, in linea con la nuova strategia di politica industriale e il piano per l'imprenditorialità presentato il 9 gennaio, sono accesso al credito, un contesto più favorevole al business e all'export, infrastrutture moderne, innovazione e formazione, bisogna tener conto delle peculiarità del Sud puntando sui settori che facciano da volano alle sue potenzialità.

Pensiamo alla logistica, reti energetiche, per un sistema competitivo nella gestione delle merci che transitano nel Mediterraneo e la realizzazione di un hub per gas e rinnovabili; a settori con ancora grandi potenzialità e sinergie, quali turismo, cultura, moda e agroalimentare; pensiamo alla riconversione di parte dell'edilizia verso livelli di maggiore efficienza, sicurezza sismica e rispetto del territorio; ma anche all'industria manifatturiera innovativa e di qualità, senza la quale lo sviluppo del Sud non può avere basi solide; e a cui deve fare da volano lo sviluppo di reti e tecnologie digitali.

 Da qui al 2020 il 70% della nuova crescita sarà concentrata nelle economie emergenti. Nel Sud esistono segnali di vitalità sull'export, cresciuto proporzionalmente più che al Nord e con un interscambio del 12.4 con l'area del Mediterraneo rispetto al 5.9 del Nord. Ma esistono ancora molti freni legati anche all'insufficienza del sistema delle infrastture.

INVESTIRE NELLE INFRASTRUTTURE

 Nel rapporto sulla competitività industriale presentato a ottobre l'Italia è tra gli ultimi nella Ue per l'adeguatezza delle infrastrutture. Questo anche perché nell'ultimo decennio le risorse disponibili sono scese del 73%. Il ritardo è particolarmente grave al Meridione. Qui, ad esempio, vi sono meno di 1/3 delle linee ferroviarie italiane, solo ¼ di quelle a doppio binario e 1/6 dell'alta velocità.

Lo sviluppo d'infrastrutture adeguate è quindi nevralgico nella strategia per la crescita e la reindustrializzazione. Come indicato nel piano europeo per le costruzioni presentato a luglio 2012, far ripartire questo settore significa creare ricadute su molti comparti industriali, a cominciare dall'acciaio, tra i più colpiti dalla crisi. Il completamento e la modernizzazione del sistema dei trasporti ha ricadute rilevanti sul turismo che, malgrado le sue enormi potenzialità, è ancora meno sviluppato al Sud rispetto al resto d'Italia.

Carenza d'infrastrutture significa maggiore costo dell'energia, il più alto d'Europa, tra i primi fattori di disincentivo a investire nel Sud. Lo sviluppo di reti per il gas o la trasmissione "intelligente" di elettricità è essenziale per concorrenza, sicurezza e valorizzare delle rinnovabili prodotte al sud (35% del solare, 32% da biomassa e il 98% dell'eolico). Cosi come nella concorrenza per la logistica nel Mediterraneo si perde terreno senza investimenti nella modernizzazione del sistema d'intermodalità.

Fondamentale anche la banda larga, presupposto per cogliere le opportunità della rivoluzione tecnologica in atto.

Alcune infrastrutture chiave sono già parte dell'iniziativa europea "connecting europe". Tra queste vi è il collegamento ferroviario Napoli-Palermo, come parte dell’asse Berlino-Palermo tra i dieci progetti prioritari. Ora è il momento di agire con progetti precisi e tempestivi.

Altra infrastruttura finanziata dalla Ue da valorizzare è il porto di Gioia Tauro, porta d'ingresso del Sud finora utilizzato per smistare container. Per superare la concorrenza di porti con funzioni analoghe, Gioia Tauro dovrebbe dotarsi di sistemi d'interoperabilità nell'entroterra che valorizzino la sua posizione geografica. Investire sul sistema portuale e del trasporto marittimo ha un rilevante impatto sull’economia del territorio con un moltiplicatore pari a 2,53, per cui su 100 euro d'investimenti se ne generano 253.

Ruolo insostituibile hanno gli aeroporti che servono regioni periferiche o isole con alta potenzialità turistica. Eppure, l'aeroporto di Comiso, già realizzato da alcuni anni con l'impiego di 17 milioni di fondi Ue, non riesce a "decollare" con perdita d'indotto in un'area dalle formidabili potenzialità. Basti pensare che l'aeroporto di Trapani, aperto dopo forti resistenze, ha avuto nel 2011 un incremento del traffico del 50% e viaggia verso i due milioni di passeggeri, con un impatto del 10% del PIL nella provincia.

Ogni turista aggiunge al PIL del territorio 103 euro al giorno. Investire nell'operatività di questi aeroporti è, dunque, un modo efficace di spendere fondi Ue.

La carenza d'infrastrutture non è solo legata alla mancanza di fondi Ue. Altri fattori, quali l'accesso al credito e ritardi di pagamento, burocrazia, criminalità e, una troppo rigida applicazione del Patto di Stabilità, tagliano le gambe a progetti già finanziati o finanziabili.

 Accesso ai capitali

Questa crisi ha visto fallire decine di migliaia di aziende sane e frenare investimenti per impossibilità di accedere al credito.

 Malgrado i 1000 miliardi di liquidità della BCE, un'impresa su tre non ottiene il credito richiesto. Per far fronte alla crisi molte banche hanno chiesto il rientro di fidi e ora stentano a erogare credito, se non ha condizioni estremamente restrittive. Nel Sud la situazione è ancora più grave, con il 40% d'imprese che denuncia difficoltà di acceso al credito e tassi ben più alti della media Ue, con un differenziale del 3% rispetto ai tassi del Nord. Per non parlare dei tempi di pagamento delle amministrazioni, oltre il doppio di quelli già eccesivi del Nord, con 1/3 dei fallimenti causati da questa piaga.

 Pensare di mascherare i problemi dei conti di uno Stato sprecone finanziandosi sulla pelle d'imprese che falliscono è irresponsabile. La presunta furbizia di mettere la polvere sotto al tappeto può portarci verso il baratro di una spirale micidiale di ritardi – fallimenti – meno lavoro – meno entrate – ulteriore peggioramento dei conti, dei ritardi e dei fallimenti... Solo se lo Stato pagherà tempestivamente i 90 miliardi di debiti accumulati si potrà uscire da questa morsa ridando fiato all'economia.

Il settore delle costruzioni è tra i più penalizzati, con 19 miliardi di crediti verso lo Stato. Per cui, per far ripartire le infrastture è essenziale risolvere questo nodo. In generale, nel Meridione, serve una politica – anche europea - per più fondi pubblici a garanzia di prestiti e capitali di rischio, con particolare attenzione alle start up e all'imprendibilità giovanile; serve un maggiore ruolo della BEI e un'applicazione di Basilea 3 che non penalizzi le PMI.

Migliorare il contesto per il business

Spesso mancano gli investimenti in infrastrutture perché non vi sono garanzie sui tempi di ottenimento di licenze e permessi vari.

 Le opere realizzate risultano sovente più costose per i tempi biblici di realizzazione legati anche a un atteggiamento spesso ostile sul territorio sintetizzato dall'acronimo "NIMBY" (not in my backyard ovvero non nel mio cortile). Per questo la capacità di attirare investitori al Sud è limitata, con appena il 4,4% del totale degli investimenti esteri in Italia, malgrado la possibilità di ottenere fondi Ue. Come richiesto dall'Ue, fermo restando la tutela di sicurezza e ambiente, va fatto tutto il possibile per semplificare le procedure con tempi certi e il ricorso, ove possibile, al silenzio assenso.

MIGLIORARE L'UTILIZZO DEI FONDI

Dei circa 36 miliardi di fondi strutturali 2007-2013 destinati al Sud, ne sono state impegnati circa il 60% e pagati 1/3, a fronte di un media Ue del 90% d'impegni e 60% di pagamenti. A un anno dalla conclusione del programma, alcune regioni rischiano seriamente di perdere centinaia di milioni. Nel mezzo della crisi e, in pieno negoziato sulla nuova programmazione 2014-2020, davvero l'Italia non può permetterselo.

Le misure di riprogrammazione in corso, vanno nella giusta direzione. Ma, forse, esistono ancora margini per concentrare ulteriormente le risorse su poche azioni che facciano da volano. Pensiamo a misure per il credito e le infrastrutture, con anche strumenti innovativi che coinvolgano la BEI e garanzia per prestiti con un forte effetto di leva.

 Ad esempio, i project bond già al via con un primo progetto pilota di 230 milioni (che consente finanziamenti per 4.5 miliardi), possono essere utilizzati nel Sud per grandi progetti infrastrutturali. In linea con il Governo, se le Regioni lo volessero, si potrebbe studiare insieme alla BEI l'utilizzo di questo strumento facendo leva sui fondi regionali non spesi.

CONCLUSIONI

 La politica regionale in tempi di scarsità di risorse assume un ruolo ancora più strategico per la crescita e la realizzazione di un contesto più favorevole all'impresa. Investire al Sud senza – in parallelo - dare risposte a problemi strutturali, quali mancanza d'infrastrutture, legalità o inefficienza dell'amministrazione, è come mettere acqua in un recipiente che perde..

Anche per rafforzare la credibilità italiana nell'attuale negoziato sul bilancio Europeo è indispensabile abbandonare un certo fatalismo e rimettere il Sud in cima all'agenda politica. E questo si può fare, proprio partendo da un piano ambizioso e credibile d'infrastrutture per il Meridione e il resto d'Italia.

 V.P.Comissione  europea

L'Altro Sud

 

Permalink |  Trackback

Comments (9)   Add Comment
Re: FAR RIPARTIRE IL SUD    By Eddy on 23/03/2014 17.27
Mi sembra un ottimo piano, non potrà che far migliorare la situazione. Coinvolgete pure le istituzioni europee e forse qualcosa si muoverà in questa palude nella quale arranca il Mezzogiorno

Re: FAR RIPARTIRE IL SUD    By Fabio on 23/03/2014 19.29
Se non utilizziamo bene i fondi europei non credo che ci sia alternativa. Dobbiamo riuscirci in qualunque modo anche cacciando questi politici incapaci.

Re: FAR RIPARTIRE IL SUD    By Michele on 24/03/2014 18.23
Ma come si fa a far ripartire il Sud se la classe politica è sempre la stessa. cambiano i nomi ma tutto rimane come prima: solo tasse , tagli, sacrifici, disoccupazione e pugni in faccia ai meridionali. Lo vogliamo capire che dobbiamo andarcene da questo paese e governarci da soli in piena libertà.

Re: FAR RIPARTIRE IL SUD    By IN MOVIMENTO on 24/03/2014 18.53
Scusateci ma permetteteci di parlare del referendum veneto. Due milioni di voti per il Veneto indipendente? Più facile del previsto. Per pura curiosità abbiamo provato a votare con un profilo inventato al referendum online sull’Indipendenza. Abbiamo inserito nome e dati personali a caso, compreso un numero inesistente di carta d’identità, e in tempo reale, al nostro indirizzo di posta elettronica, abbiamo ricevuto il nostro codice di voto personale. E votato per il sì. Senza particolari controlli chiunque, con più indirizzi email, poteva votare più volte. Provare per credere. Senza considerare che si poteva votare per persone esistenti a loro insaputa, per esempio un familiare. E il tutto, oltre a far schizzare il contatore dei voti, non era in alcun modo controllabile. Insomma un referendum alla Totò!!!!!!!!<br>

Re: FAR RIPARTIRE IL SUD    By Geppy Vargas on 27/03/2014 18.20
Io non screditerei il referendum veneto E' vero che non ci sono verifiche ufficiali ed è solo consultivo, però ha un grande valore simbolico e protestatario. Il fatto è che questa Italia non va bene oramai più a nessuno, o si cambia la forma organizzativa e strutturale del paese o qui salta tutto.

Re: FAR RIPARTIRE IL SUD    By B.E on 29/03/2014 18.38
Questa è l'Italia dei venduti, dei ciarlatani, dei parolai senza limiti. Una moltitudine di stupratori sociali che hanno creato una massa di diseredati lasciata lì a marcire nelle periferie dei loro interessi. Cosa serve progettare o cercare nuove vie d'uscita? La soluzione è una: rifondare la nostra comunità sulle fondamenta di un nuovo patto tra uomini liberi riportando la luce nelle menti offuscate dalla manipolazione secolare.

Re: FAR RIPARTIRE IL SUD    By NIX on 30/03/2014 10.38
Il sud potrà ripartire solo se la gente prenderà coscienza della reale situazione di abbandono. Senza infrastrutture, senza istituti di credito, senza un governo autonomo, saremo condannati in eterno a fare la ruota di scorta del Nord. Si cominci a creare occasioni di lavoro qui, cosa che i politici cortigiani non riescono proprio a concepire: questi sono rimasti alla raccomandazione ed alle piccole concessioni fatte "per piacere".

Re: FAR RIPARTIRE IL SUD    By Lucia on 02/04/2014 19.03
"Per liquidare i popoli si comincia con il privarli della memoria.<br>Si distruggono i loro libri,la loro cultura,la loro storia.<br>E qualcun'altro scrive loro altri libri,li fornisce un'altra cultura,inventa per loro una storia.<br>Dopo di che il popolo incomincia lentamente a dimenticare quello che è stato.<br>E il mondo attorno a lui lo dimentica".

Re: FAR RIPARTIRE IL SUD    By @nestor on 05/04/2014 9.27
Lucia ha ragione ma non bisogna rimanere rassegnati, ci vuole coraggio e determinazione per cambiare le cose. Rimanere passivi equivale alla nostra estinzione.


Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use