Saturday, September 21, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: HermineTownl
New Today New Today: 2
New Yesterday New Yesterday: 0
User Count Overall: 4853

People Online People Online:
Visitors Visitors: 25
Members Members: 0
Total Total: 25

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 10/12/2013 18.15

SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO

di Francesco Toscano

Nel Paese dilagano le contestazioni. I “Forconi” sono scesi in piazza per manifestare rabbia e indignazione nei confronti di una classe dirigente, politica e informativa, che ha gettato volutamente nel pozzo nero della miseria migliaia di incolpevoli famiglie. In Italia, ma anche in Francia, si respira un clima pre-rivoluzionario, alimentato dalle contorsioni dialettiche di alcuni manigoldi di governo che abusano della pazienza popolare evocando una surreale ripresa economica che non c’è e non ci sarà. Le proteste che in queste ore stanno infiammando la Penisola hanno un sapore al tempo stesso tragico e antico. I dimostranti, a differenza di quanto accadeva nel recente passato, non sono mossi dal fuoco dell’idea. Non siamo cioè di fronte ad un nuovo ’68, stagione nella quale una giovane generazione cresciuta negli anni del boom economico riusciva ad imporre agli occhi della pubblica opinione nuovi modelli culturali. No. Gli uomini e le donne che oggi provano a farsi sentire sono mossi da esigenze primarie: il cibo e la sopravvivenza. Le scene alle quali increduli assistiamo ricordano semmai le atmosfere del 1898, anno della famigerata “protesta dello stomaco” repressa nel sangue a Milano dalle squadracce guidate da un avanzo di inferno come Bava Beccaris, generale assassino molto caro al cuore nero di Re Umberto. L’anarchico Gaetano Bresci, al cui ricordo la città di Prato ha inteso dedicare una via, impressionato dalla mattanza di Milano, si convinse allora circa l’indispensabilità del ripristino della giustizia violata attraverso la realizzazione di una atto dimostrativo effettivamente denso di significati simbolici: domenica 29 luglio 1900 Re Umberto moriva a Monza sotto i colpi di rivoltella esplosi proprio dal giovane filatore pratese. I nostri governanti, etero-diretti dall’esterno da occulti burattinai, hanno distrutto le fondamenta della nostra civiltà creando consapevolmente un clima di caos e tensione. Come ebbi modo di dirvi molti mesi fa, l’attuale crisi economica, alimentata artificialmente da una élite massonica di ispirazione reazionaria (che si esprime per bocca dei vari Draghi, Monti), precede giocoforza l’imminente collasso democratico.  I massoni contro-inizati che nell’ombra guidano tale processo storico sanno perfettamente quello che stanno facendo. Non sono affatto spaventati dalla possibilità che il clima si avveleni ulteriormente. Al contrario, così come già accaduto in Grecia, i padroni del vapore non vedono l’ora che la protesta degeneri in atti di stupida, sconsiderata ed episodica violenza, utile per legittimare quella consequenziale stretta autoritaria e antidemocratica che le élite al potere preparano da tempo con metodo e pazienza. Per questo, per quanto disperati e afflitti, tutti i cittadini italiani per bene, vittime indifese e raggirate di questo nuovo Olocausto apparecchiato da una genia di nazisti tecnocratici e ipocriti, devono conservare la calma senza mai indulgere di fronte alla tentazione di ricorrere alla violenza. Sappiate che i vostri carnefici non aspettano altro. Plaudo invece all’iniziativa di Beppe Grillo, autore di un post lungimirante e saggio nel quale chiede alle forze dell’ordine di “fraternizzare” con i dimostranti (clicca per leggere). Il capo del Movimento 5 Stelle si rivolge ai responsabile dell’ordine pubblico. Io credo sia giusto non soltanto parlare alla “divisa” ma anche e soprattutto  all’uomo che la indossa. I militari, strumentalizzati da un potere sadico, ingordo e perverso, sanno che le piazze italiane sono oggi composte prevalentemente, non da facinorosi estremisti, ma da gente comune esasperata dal bisogno. In mezzo alla folla anche voi, difensori di uno Stato che ha smarrito la bussola, incrocerete gli stessi occhi del vostro anziano padre pensionato al minimo, di vostra madre che non riesce a far quadrare i conti, di vostro figlio disoccupato e senza prospettive e di vostro fratello emigrato in terra lontane e inospitale per inseguire una fortuna che costa lacrime e solitudine. Non dimenticatelo.

Permalink |  Trackback

Comments (13)   Add Comment
Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By Gennaro on 11/12/2013 20.06
Condivido tutto di quanto è scritto da Toscano, c'è una brutta aria in questo paese. Bisogna reagire, fare qualcosa per cacciare questi occupanti delle istituzioni che stanno facendo scempio delle nostre risorse, del nostro patrimonio nazionale e regionale. Se scoppierà prima o dopo una rivoluzione non lo so ma me lo auguro. Ci stanno portando ad una situazione post conflitto mondiale, con livelli di povertà, disoccupazione e precarietà che non ha eguali e non parliamo del mezzogiorno ridotto alla sbando.

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By Catello on 12/12/2013 13.30
C'e' una bella aria........,...di liberazione

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By Lucia on 12/12/2013 19.50
"i nostri governanti eterodiretti", questa mi sembra la frase che esprime pienamente l'attuale condizione della nostra classe politica che è ridotta ad essere un gruppo di burattini che eseguono solo gli ordini dei poteri sovranazionali.

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By NIX on 12/12/2013 20.05
Il disegno delle élite economiche è chiaro: riduzione progressiva dei diritti dei cittadini attraverso ben coordinati atti intimidatori. Impaurire le masse con l'annuncio di imminenti disastri economici, far accettare le restrizioni diffondendo false teorie di bilanci statali da aggiustare come se fossero quelli familiari, promettere una prossima ripresa ben sapendo che non ci sarà mai, richiedere sacrifici in nome di futuri benefici che non vedremo mai. E tutto questo mentre la disoccupazione dilaga, le imprese chiudono i battenti, flotte di giovani e meno giovani fanno le valigie ed il sistema democratico è messo pesantemente in discussione. Ben vengano quindi le proteste, perché bisogna dimostrare a questi politicanti da strapazzo che il popolo sta capendo e comincia a reagire. Guai però a trascendere nella violenza, sarebbe un errore fatale che giustificherebbe qualunque repressione. Bisogna manifestare solo e rigorosamente in maniera pacifica e vincere con la forza delle idee che devono farsi strada in fasce sempre più ampie della popolazione.

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By Geppy on 12/12/2013 20.41
Il movimento dei Forconi è nato in Sicilia e si è diffuso in tutta Italia. bene ora è necessario che tutto il Sud scenda in piazza e faccia piazza pulita. Non è pensabile che i meridionali continuino a farsi sfruttare ulteriormente, ci vuole una dimostrazione di forza per cacciare questi cani che ci hanno ridotto alla fame e consegnare il potere alla gente. l'Altro Sud ha indicato la strada dell'autonomia come unica possibilità di riscatto per tutti noi, va benissimo così vi seguirò fino in fondo, ditemi solo che fare. Ne ho parlato anche con altri amici e la cosa attira molto, dipende comunque dalla credibilità delle persone che condurranno questo cambiamento.

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By In Movimento on 13/12/2013 17.55
La lotta dei Forconi è primariamente una lotta per riaffermare nella società la dignità e la centralità dell’essere umano contro ogni forma di sopraffazione, fisica, morale od economica. Riteniamo a tal fine indispensabile che vengano ripristinata una vera democrazia e la sovranità popolare; intendendo la sovranità nel senso più ampio del termine: monetaria, alimentare, politica, territoriale, dei beni ambientali ed energetici. Non ci rassegniamo, né mai ci rassegneremo, a diventare schiavi passivi di un sistema politico-finanziario gestito da oligarchie transnazionali che per mezzo di meccanismi speculativi perversi stanno impoverendo senza scrupoli popoli e nazioni. <br> <br>

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By MEDS on 13/12/2013 19.42
I popoli del Nord Europa pensano, anche se non lo dicono, che i popoli del sud siano INFERIORI. La Germania in particolare, mantiene un atteggiamento RAZZISTA verso di noi. Noi per loro siamo solo una meta turistica per trascorrere le vacanze. Ma il Sud Europa è quello che produce ogni sorta di generi alimentari che poi arrivano sui banchi dei mercati tedeschi. Il Sud Europa sarebbe completamente autosufficiente in quanto siamo in grado i produrre in sovrabbondanza tutto ciò che ci serve, dal semplice cibo fino ai prodotti tecnologici più avanzati. I nostri migliori prodotti alimentari, i cibi e i vini più raffinati, vanno nei mercati delle grandi città del nord europa. Loro in cambio ci ripagano affamandoci aumentando il nostro debito verso le loro banche, attraverso un sistema finanziario fondato sull'euro controllato completamente da loro. Teniamoci i nostri prodotti e mandiamoli a fanculo! Che si mangino wurstel e crauti!

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By Carmela on 14/12/2013 17.39
L’uomo in rivolta “agisce in nome di un valore, ancora confuso, ma che avverte, almeno, di avere in comune con tutti gli uomini”.

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By Michele on 16/12/2013 17.02
Il governo è ritornato a mettere tasse, a far pagare parte dell'Imu sulla prima casa ad un gran numero di cittadini, a riaprire di nuovo l'operazione Ponte di Messina per fare un favore a mafiosi e speculatori. E noi zitti ad incassare i loro abusi mentre un terzo degli italiani è ormai povero, siamo o non siamo delle merde che sanno solo lamentarsi?

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By Tom on 17/12/2013 20.46
magari, magari, magari venisse una rivoluzione!

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By Sezze on 18/12/2013 20.14
cambia il vento, cambia il sud, cambia la storia.........e poi torna la vita

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By IN MOVIMENTO on 19/12/2013 18.20
Ricordiamo agli amici di l'Altro Sud che alla conferenza di gennaio a Palermo sarebbe molto gradita la loro presenza e un loro rappresentante tra i relatori. Aspettiamo conferma. grazie

Re: SI RESPIRA UN CLIMA PRE-RIVOLUZIONARIO    By Massimo Colonna on 23/12/2013 23.12
E se smettessimo di votare, il sistema salterebbe. E`come non esistesse.


Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use