Tuesday, June 25, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: LovieSalisbu
New Today New Today: 3
New Yesterday New Yesterday: 0
User Count Overall: 4795

People Online People Online:
Visitors Visitors: 32
Members Members: 0
Total Total: 32

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 IL SUD E LA CRISI ECONOMICA MONDIALE    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 08/02/2009 22.43

 

 

L'unica ricetta proposta dagli esecutivi in carica dei Paesi occidentali, per superare la crisi in atto, è, da quello che si è potuto rilevare dai pochi provvedimenti economici e finanziari finora adottati, il sostegno alle imprese ingolfate ai margini di questo pantano, la cui ampiezza e profondità neppure, ancora, nonostante gli studi dei grandi luminari e cattedratici, si è riusciti a comprendere. Le imprese, fin da quando la crisi è iniziata ed ancora, anzi, neppure era effettivamente percepita in Italia, non hanno fatto altro che lanciare continue grida di aiuto. Fin dalle prime esternazioni, a freddo, dei leader politici di destra o di sinistra che fossero, si è subito capito che, comunque, non c'era neppure tanto bisogno di sgolarsi per essere uditi ed esauditi. Uno Stato immerso in un mare di debiti, che svende il suo patrimonio immobiliare per fare cassa, taglia in modo drastico le retribuzioni degli statali ed interviene incessantemente sul sistema pensionistico nell'intento di ridurre al massimo le spese, si dimostra poi tanto sollecito e generoso, premuroso nei confronti dell'imprenditoria privata, che di questa crisi immensa, da taluni valutata come un vortice senza fondo, deve essere considerata come l'unica responsabile. Uno Stato latitante nello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, in cui gli edifici scolastici fatiscenti cadono in testa agli alunni, gli uffici pubblici difettano delle minime risorse necessarie per il loro funzionamento, i tribunali e le forze dell'ordine si lamentano perchè sono destinatari di tagli consistenti e continui alle loro disponibilità economiche, i trasporti pubblici sono a livelli da terzo mondo, le condizioni delle reti viarie urbane, anche metropolitane, sono tali da renderle impraticabili, ci sono situazioni da vergogna nazionale, come quelle dei baraccati della città di Messina, risalenti al terremoto che rase al suolo la città ai primi anni del secolo ventesimo, ed ecco che sbocciano i miliardi come funghi per sostenere l'economia di industrie che fino ad ieri si sosteneva fossero fiorenti ed al massimo della crescita economica. Il male paventato è sempre lo stesso, licenziamenti e disoccupazione; in pratica una spada di Damocle sempre sospesa sulla testa di tutti gli italiani, una forma di ricatto vile ed ignobile che usa, i lavoratori come ostaggi per estorcere enormi risorse finanziarie allo Stato. Ma se questo Stato ha disponibilità finanziarie tanti ingenti, perchè, prima di tutto non pensa ad adempiere nei confronti del cittadino, alle sue finalità istituzionali, lasciando che il manto del fallimento avvolga la parte malata del sistema economico e produttivo del paese? Il fatto che le altre nazioni abbiano intrapreso una strada diversa, non signica che necessariamente le si debba seguire a ruota, perchè, diversamente, saremmo come un branco di pecore che va dietro al suo capobranco perchè incapaci di ragionare con la propria testa! D'altra parte, in base ai principi del liberismo economico finora in vigore, lo Stato non dovrebbe interferire nei mercati e, pertanto, così come si è disinteressato, in base a questi principi, del Welfare state, così a maggior ragione, non dovrebbe, assolutamente, da arbitro imparziale, rialzare dal tappeto il pugile suonato dell'economia. Non si può pensare, come il ministro della funzione pubblica, che a far uscire l'Italia dalla crisi economica debba essere la Pubblica Amministrazione, perchè sarebbe una semplice eresia dottrinario-amministrativa. La Pubblica Amministrazione non è un operatore economico ed è chiamata a svolgere soltanto funzioni di pubblico interesse. La sua vocazione istituzionale non è quella di salvare imprese già fallite o sull'orlo della bancarotta!
L'interferenza, eventuale, dello Stato nell'economia, era giustificata solo, ed unicamente, dall'esigenza, di tutelare la parte debole del sistema produttivo e finanziario del Paese e cioè oltre al consumatore, in modo particolare, il lavoratore ed il pensionato.

Si parla di rivoluzione verde, ma, in effetti, non si vuole rinunciare agli agi ed agli ozi ed ai vizi che hanno, finora contrassegnato il modello di sviluppo economico ed industriale che i governi di tutte le Nazioni, ma in specie di quelle più industrializzate hanno sempre perseguito ed attuato. Che le economie del mondo occidentale fossero in crisi profonda, lo si sapeva da tempo, e lo sapevano, in modo particolare, i governi ed i governanti delle Nazioni occidentali. Che il fenomeno della Lega Nord, in Italia, fosse anch'esso, profondamente generato dalla crisi del sistema industriale del Nord Italia che non ce la faceva più a sostenere l'impatto con il libero mercato globalizzato del XX° e XXI° secolo era cosa risaputa. Non era il sud a rallentare la loro crescita economica, ma era tutto il mondo occidentale che arrancava sotto al peso di una concorrenza mondiale rappresentata dalle nuove potenze dei Paese in via di sviluppo. Ad un certo punto, i Padani si sono accorti di essere solo dei nani nel mondo economico globalizzato e, come i polli di Renzo Tramaglino nei "Promessi Sposi" di A. Manzoni, nella loro miopia, non hanno saputo fare altro che beccarsi con chi stava peggio di loro, e cioè i meridionali! Ma che bella scoperta, cercare di uscire dalle sabbie mobili trascinandosi appresso tutta la carrozza! Ecco il motivo per cui il governo italiano, lamenta incessantemente miseria, ma continua a stanziare ingentissime risorse per le industrie del Nord assieme a tutto il loro apparato di banche e società mobiliari, finanziarie ed immobiliari.
Ma, dato per scontato, che lo Stato non si deve occupare dei problemi economici e finanziari delle imprese private che operano nel libero mercato, esso, però, ha il dovere categorico e sacrosanto di utilizzare le sue risorse finanziarie per realizzare le opere pubbliche assolutamente indispensabili per i cittadini, ponendo, attraverso un riammodernamento dei servizi, le basi per una trasformazione profonda della struttura economico sociale del Paese. Infatti, ciò di cui si ha urgente bisogno è proprio una inversione di tendenza nella programmazione economico-sociale. Si deve abbandonare il vecchio modello industriale per abbracciare in modo totale ed incondizionato la vocazione ad una crescita economica che sia funzionale ad una autentica rivoluzione verde, che attraverso una valorizzazione della ricerca scientifica nei settori dell'alta teconologia, espressioni pure della c.d. "eccellenza scientifica e tecnologica", miri a spingere il Paese, in una dimensione meno dipendente e legata al sistema industriale del Nord. Valorizzare in particolar modo le piccole e medie imprese nei settori dell'artigianato, in quello merceologico, alimentare , agrario, edilizio, portuale ed aeroportuale, del turismo in genere. Ci dobbiamo convincere, che alla lunga, questo sistema sarà quello che ci affrancherà, attraverso la lenta ma sicura riconversione delle masse dei lavoratori a questi nuovi modelli di sviluppo economico, dal ricatto delle industrie del Nord che, con lo spettro, paventato dei licenziamenti di massa, tengono in scacco la Nazione! Da questa trasformazione dei modelli di vita si dovrebbe in particolar modo avvantaggiare proprio il Sud, le cui potenzialità si possono sviluppare in particolar modo proprio attraverso un riammodernamento ed una crescita del settore agricolo e dell'allevamento.
Cura ed interesse particolare deve essere riservata ai trasporti pubblici, sia terrestri sia marittimi ed aerei. Il settori dell'artigianato, della moda, dell'arte in genere, deve essere curato come un inestimabile patrimonio nazionale! Ma in modo particolare, dicevo, l'Italia tutta deve riscoprire le proprie tradizioni agrarie che, con le potenzialità dei nuovi strumenti dati dalla tecnologia moderna, e attraverso il sostegno di una politica economica mirata, disinteressandosi delle industrie e delle finanze delle realtà economiche fallimentari del Nord, concentri in modo scientifico ed industriale, il suo sostegno a favore di una ripresa, in grande stile, della vocazione agricola del Paese. Dobbiamo, una volta per tutte, renderci conto che la funzione trainante dell'economia nazionale svolta dall'apparato industriale del Nord è finita per sempre, perchè il mondo è cambiato, e con esso deve cambiare il nostro mondo, che deve adeguarsi alla nuova realtà, se non vogliamo essere travolti. Il Sud non può essere usato come una vittima predestinata, per mantenere il lustro di un'economia industriale del Nord ormai controproducentee parassitaria.Tutto questo ci porterà a vivere anche in maggiore sintonia con le esigenze ecologiche del Pianeta che deve ricominciare, finalmente, a respirare. E sarà, l'unico modo, anche per salvare l'unità nazionale, che vedrà debellato l'assalto nordista.

08/02/2009                      Andrea Atzori

Permalink |  Trackback

Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use