Saturday, September 21, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: HermineTownl
New Today New Today: 2
New Yesterday New Yesterday: 0
User Count Overall: 4853

People Online People Online:
Visitors Visitors: 21
Members Members: 0
Total Total: 21

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 14/12/2012 18.00

IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA

di Francesco Toscano

Se gli italiani non si desteranno immediatamente dal cupo torpore che li paralizza, il sofisticato piano di sterminio neo-nazista in atto trionferà definitivamente spargendo miseria e dolore per i prossimi cento anni. La democrazia è già di fatto svuotata. Se i candidati, belli o brutti che siano, non sono graditi alla speculazione finanziaria internazionale, parte subito il ricatto dello spread. I mostri governano con la paura. Milionari a pancia piena e senza scrupoli che chiedono impunemente sacrifici a pensionati al minimo, a disoccupati invecchiati, a famiglie al collasso. I nostri leader la credibilità in Europa se la giocano sul sangue degli ultimi. Per essere riconosciuti dall’Europa che conta bisogna dare prova di avere gettato nella disperazione un buon numero di allocchi pronti a difendere “l’onorabilità” dell’Italia. Viviamo all’interno di un contesto socio-culturale palesemente mafioso. I boss di stanza a Bruxelles osservano imperturbabili i picciotti di periferia pronti a scalare la gerarchia criminale a suon di manovre recessive e “fucilazioni” mirate. La scala dei valori è invertita. Chi lavora per il benessere sociale del proprio popolo è un “irresponsabile”, “un pericolo per i mercati”, “un populista demagogo”. Chi, al contrario, taglia i diritti, genera in vitro sacche di disoccupazione utili per abbassare il costo del lavoro, svende i beni di Stato, demonizza le Istituzioni rappresentative è prestigioso e va ringraziato. Nell’ultimo anno, certificano tutte le ricerche, l’Italia reale è stata letteralmente disintegrata. I consumi sono calati a ritmi vertiginosi, i giovani in cerca di lavoro non si contano più, le imprese chiudono e gli esodati marciscono nella speranza, vana, di non finire morti di fame, di freddo e di stenti. La Chiesa cattolica, per bocca del cardinal Bagnasco, benedice oggi come ieri la mano dei carnefici. Si tratti di africani da schiavizzare, di zingari da deportare o di poveracci da affamare, la gerarchia ecclesiastica non perde mai l’occasione di ammantare di carità i peggiori propositi di demoni imbellettati. In Italia esiste un’ élite schiavista pronta a difendere con le unghie e con i denti un nuovo equilibrio sociale che garantisce loro privilegi assurdi, fatti pagare ad una moltitudine di neostraccioni ridotti scientemente in una condizione semi-servile. I giornali di regime, proprietà dei vari De Benedetti, famiglia Agnelli e Caltagirone, tutti condizionati da banchieri rapaci e milionari, rappresentano una realtà falsa ma funzionale al raggiungimento degli obiettivi classisti dei loro indegni padroni. Non per nulla la forbice delle disuguaglianze cresce in maniera esponenziale, mentre tutti omettono di spiegare al popolo che la “crisi” altro non è se non una vendetta sul piano storico delle vecchie aristocrazie predatrici ridimensionate dalla modernità. Noi non abbiamo molti strumenti per difenderci da questa barbarie. Lo studio e l’uso consapevole del voto, unico strumento di democrazia rimasto nella disponibilità delle masse, sono indispensabili per sperare di porre un freno rispetto all’oramai acclarato ritorno della croce uncinata sul trono d’Europa. Nessun voto va disperso. Chi difende, pur con mille distinguo, le politiche distruttrici di rigore e austerità è un nemico dell’umanità, il cui destino andrà presto o tardi appaltato al Tribunale dell’Aja,competente rispetto alle ipotesi delittuose di genocidio. In Italia Fini, Monti, Bersani Casini e Montezemolo sono alfieri a viso aperto di questo piano disumano, violento, ipocrita e antistorico. Nessun uomo libero si renda complice di cotanta infamia con il proprio voto. La lotta è impari, le forze in campo decisamente asimmetriche. Probabilmente gli euro-schiavisti, dopo avere ridotto sul lastrico la Grecia, deporteranno tra gli applausi dei media pure i portoghesi, gli spagnoli, gli irlandesi e gli italiani. Francesi e tedeschi, oggi convinti di fare la voce grossa contro “le cicale del sud”, si sveglieranno infine con le catene ai piedi, colpevoli vittime di uno schema che, come presto capiranno, utilizza strumentalmente gli odi nazionali per imporre equilibri di classe sovranazionali. La classe media degli imperi centrali verrà umiliata per ultima. E’ solo questione di tempo. Basta muovere le lancette con sulfurea sapienza.  

Permalink |  Trackback

Comments (12)   Add Comment
Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Nix on 14/12/2012 22.46
Una carneficina sociale appoggiata da Fini, Alfano, Bersani, Casini, Montezemolo e compagni, mentre il Cardinal Bagnasco benedice il massacratore. I leader europei ci impongono i loro diktat con l'appoggio servile dei media tutti. Una situazione inquietante dove le forze nemiche in campo sono straripanti. Solo l'eroismo consapevole degli elettori, potrà evitare di precipitare in un baratro senza fine.

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Luca on 15/12/2012 10.04
Ma come facciamo a far capire certe cose alla gente comune, Molti pensano che Monti e la Fornero siano veramente i salvatori della patria e non si rendono conto che loro sono i terminali dei poteri finanziari internazionali e sono stati mesi là per tagliare tutti i nostri diritti conquistati nei decenni. E' un vero nuovo nazismo che sta selezionando una classe di eletti e massacrando milioni di persone, diffondiamo questa verità prima che sia troppo tardi.

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Susy on 15/12/2012 13.45
Come farà il nostro meridione a salvarsi da questo disastro sociale determinato dalla nuocva divinità e cioè dal Mercato????

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Michele on 15/12/2012 17.08
Il terribile articolo di Toscano la dice lunga su ciò che sta succedendo in questa fottuta Italia piena di parassiti, ladri e venduti. I politici italiani sono una progenie degenerata a cui abbiamo affidato le nostre vite e il nostro futuro, non parliamo poi dei politici meridionali e di quelle ridicole imitazioni presenti nei partitelli meridionali che, salvo eccezioni sono dei quaquaraquà malati di protagonismo. Inutili e comiche figure che dovrebbero darsi al cabaret o fare i piazzisti alla Vanna Marchi, eppure sostengono di parlare in nome del popolo meridionale, fancu..... <br>Forse mi censurerete, ma almeno voi che spesso giocate con il rischio non vi dovrebbe mancare il coraggio della verità.

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Peppe Massari on 16/12/2012 17.32
"In Italia esiste un’ élite schiavista pronta a difendere con le unghie e con i denti un nuovo equilibrio sociale che garantisce loro privilegi assurdi, fatti pagare ad una moltitudine di neostraccioni ridotti scientemente in una condizione semi-servile."<br>Queste parole sono la fotografia di quello che avviene oggi e purtroppo i neostraccioni ridotti allo stato servile temo siano in gran parte i meridionali. Se rimaniamo inerti questi attraverso televisioni e giornali compiacenti prenderanno definivamente il potere e per noi tutti sarà la fine.

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Catello on 17/12/2012 12.18
Povera Italia, povero Sud. Le parole di Toscano non ci lasciano molte speranze.

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By IN MOVIMENTO on 17/12/2012 16.57
Non c'è paragone più indovinato. Nazisti erano le truppe piemontesi che entrarono nel Sud massacrando migliaia di meridionali, nazisti in versione moderna sono oggi questi neocapitalisti che stanno affamando milioni di famiglie italiane e meridionali senza avere scrupoli per nessuno. Bene fate a lanciare l'allarme di fine democrazia ma dovete andare fino in fondo, costi quello che costi.

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Carmine on 18/12/2012 17.05
Maledetto governo non gli bastava di averci dissanguato con l'Imu e la Tarsu ora da gennaio pagheremo anche una nuova tassa per i servizi comunali la Tares, con quattro scadenze. A pagare siamo sempre noi, i neostraccioni del ventunesimo secolo che si lasciano spremere senza reagire. Il nord se lo può anche permettere ma noi quì come facciamo? Come cazzo facciamo a sopravvivere in questo inferno di tasse che oramai sono una estorsione di stato. I politici parassiti e marioli se ne fregano, anzi stanno lì a leccare il sedere al sadico Monti e sperano pure che rimanga come presidente del Consiglio. Mandiamo a casa questi buffoni e ridiamo il potere alla gente comune.

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Tom on 19/12/2012 17.09
Casini, Montezemolo, Monti, Fornero ma che volete che gliene frega di noi insignificanti meridionali senza potere e ricchezza. Lasciamoli perdere.........<br>Buon Natale a tutti e buon anno nuovo senza illusioni.

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Gennaro on 20/12/2012 15.55
La cricca si è ricostituita per le prossime elezioni e le pecore italiane di divideranno come tanti imbecilli per tifare per uno o per l'altro. Tolto Grillo altre novità non ci sono anzi è il ritorno del vecchio, e voi che fate?

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By Luca on 20/12/2012 16.22
Mentre il ministro Cancellieri è dovuto fuggire da Rimini inseguita da una folla inferocita (stesse scene capitate e Passera e Fornero recentemente e presto a Monti...non appena avra' il coraggio di comparire in pubblico...il dittatore aguzzino)....le persone hanno capito finalmente che Monti è stato messo lì per annientare le famiglie italiane. Mentre economisti come Feldstein invocano la svalutazione dell'euro come unica soluzione ma NON SPIEGANO (bastardi) COME SIA ACCETTABILE PER CINA E STATI UNITI che non hanno nessun interesse che questo avvenga...anzi ...Gli Usa non possono sopportare un euro troppo debole in quanto non esporterebbero piu'...l'euro si indebolirà solo quando le aziende abbandoneranno l'Europa IMPOVERENDOLA ANCOR DI PIU'...con il sorriso degli USA.<br>

Re: IL TRAGICO RITORNO DELLA CROCE UNCINATA    By geppy90 on 21/12/2012 11.54
Auguri di buone feste!


Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use