sabato 21 settembre 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Stampa   
 La bustina suddista    
   
 Stampa   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Stampa   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Stampa   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Stampa   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Stampa   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Stampa   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Stampa   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Stampa   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Stampa   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Stampa   
 UsersOnline    
Iscritti Iscritti:
L'ultimo utente Recente: HermineTownl
Nuovi utenti di oggi Nuovi utenti di oggi: 1
nuovi utenti di ieri Nuovi utenti di ieri: 1
Utenti contati Complessivamente: 4853

Persone On-line Persone Online:
Visitatori Visitatori: 34
Membri Iscritti: 0
Totale Totale: 34

Online adesso Adesso Online:
   
 Stampa   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Stampa   
 New_Blog    
Devi loggarti ed avere i permessi per creare o modificare un blog.
   
 Stampa   
 Blog_List    
   
 Stampa   
 L'ATTO D'ACCUSA DEI PM DI PALERMO    
Luogo: BlogsL'ALTRO SUD    
Inviato da: 242658@aruba.it 06/11/2012 20.05

L'ATTO D'ACCUSA DEI PM DI PALERMO

Prima della partenza in Guatemala c'era un ultimo atto che il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia doveva compiere, scrivere assieme agli altri magistrati del pool, Nino Di Matteo, Lia Sava, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia, la memoria del percorso investigativo (depositata ieri) che ha portato i pm a chiedere il processo per sei uomini dello Stato e sei capimafia, insieme sullo stesso banco degli imputati e per cui il gip Morosini dovrà decidere il rinvio a giudizio o meno.

Così in poco più di venti pagine, che riassumono 120 faldoni di prove, testimonianze, intercettazioni e documenti sono stati racchiusi quattro anni d'indagine. Viene quindi spiegato che il procedimento non ha per oggetto in senso stretto la trattativa in quanto nessuno è imputato per il solo fatto di aver trattato. Non ne sono imputati i mafiosi e neppure gli uomini dello Stato coinvolti.

Il quadro storico
L'analisi della Procura parte da quel che accadde nel 1989, analizzando la storia prima del crollo del muro di Berlino, dove “la grande criminalità aveva approfittato della copertura politica della guerra fredda per intessere, all’interno del sistema politico-istituzionale, una serie di rapporti che hanno fatto dell’Italia uno degli snodi degli interessi macroeconomici del crimine mondiale”. Dopo invece si determina “la fine della giustificazione storica della collaborazione con la grande criminalità”. Come era stato scritto, sempre dai pm di Palermo, nella grande inchiesta poi archiviata che prese il nome di “Sistemi Criminali” vengono messi in evidenza una serie di eventi, apparentemente lontani ma in realtà concatenati l'un l'altro.
La caduta del muro viene seguita “dall'eccesso di tassazione e l'utilizzazione distorta della spesa pubblica”, che provocò la “rivolta della borghesia commerciale e della piccola imprenditoria” al Nord. Nel contesto vengono poi inserite le inchieste di Manipulite e persino Licio Gelli, che con la sua “inusuale collaborazione giudiziaria” contribuì alla “eliminazione politica” del ministro Martelli, “percepito come un ostacolo”. E' il momento della transazione dalla Prima alla Seconda Repubblica ed in questo complesso, quanto nebuloso, quadro di eventi Cosa nostra si inserisce in un piano di destabilizzazione devastante del quadro politico tradizionale.
Così viene messa in evidenza la “trama di una trattativa, sostanzialmente unitaria, omogenea e coerente, ma che lungo il suo iter ha subito molteplici adattamenti, ha mutato interlocutori e attori da una parte e dall'altra, allungandosi fino al 1994, allorquando le ultime pressioni minacciose finalizzate ad acquisire benefici e assicurazioni hanno ottenuto le risposte attese”.

L'obiettivo
Nella loro memoria i pm evidenziano come la trattativa “non è stata limitata a singoli obiettivi 'tattici', come la tregua per risparmiare gli uomini politici inseriti nella lista mafiosa degli obiettivi da eliminare, o l'allentamento del 41 bis e gli altri punti del papello, ma – assai più ambiziosamente – ha avuto ad oggetto un nuovo patto di convivenza Stato-mafia, senza il quale Cosa Nostra non avrebbe potuto sopravvivere e traghettare dalla Prima alla Seconda Repubblica. Un patto di convivenza che, da un lato, significava la ricerca di nuovi referenti politici e, dall'altro lato, la garanzia di una duratura tregua armata dopo il bagno di sangue che in quegli anni aveva investito l'Italia”. In particolare sono due le frasi che assumono un importante valore simbolico in questo contesto. La prima è quella di Salvatore Riina che spiega ai suoi soldati: “Dobbiamo fare la guerra allo Stato per poi fare la pace”. L’altra è del boss Leoluca Bagarella: “In futuro non dobbiamo più correre il rischio che i politici possano voltarci le spalle”. “L'obiettivo strategico – spiegano i pm - è costruire le premesse per un nuovo rapporto con la politica, perché fosse Cosa Nostra ad esprimere direttamente le scelte politiche attraverso i suoi uomini, senza alcuna mediazione. Annullare la politica ed i politici tradizionali per favorire l'ingresso della mafia in politica, tout court”.
Così i boss mafiosi Riina, Provenzano, Brusca, Bagarella e il “postino” del papello Cinà, rappresentano “gli autori immediati del delitto principale, in quanto hanno commesso, in tempi diversi, la condotta tipica di minaccia ad un Corpo Politico dello Stato, in questo caso il Governo, con condotte diverse ma avvinte dal medesimo disegno criminoso, a cominciare dal delitto Lima”.

Primo atto
Il primo passaggio chiave è rappresentato dall'omicidio dell'eurodeputato della Dc, emblema dei vecchi referenti politici delle cosche, all'indomani della sentenza definitiva del maxiprocesso a Cosa Nostra. E' in questo momento che secondo i pm scatta la prima fase di quella “scellerata trattativa” tra lo Stato e la mafia. E' il via ad una guerra i cui protagonisti sono “i boss mafiosi Riina, Provenzano, Brusca, Bagarella e il postino del papello Antonino Cinà, autori immediati del delitto principale, in quanto hanno commesso, in tempi diversi, la condotta tipica di minaccia a un corpo politico dello Stato, in questo caso il governo, con condotte diverse ma avvinte dal medesimo disegno criminoso, a cominciare dal delitto Lima. L’avvio di una campagna del terrore contro il ceto politico dirigente dell’epoca al fine di ottenere i benefici ed i vantaggi che furono poco dopo specificati nel papello di richieste che Riina fece pervenire ai vertici governativi”. Un sistema violento quanto pratico per ricercare un nuovo soggetto col quale venire a patti.
Secondo la ricostruzione dei pm al tavolo delle trattative “sedevano” inizialmente “Salvatore Riina, all'epoca capo assoluto del sodalizio mafioso, mentre, da parte dello Stato, venne condotta da alcuni alti ufficiali dei Carabinieri ovvero il comandante del Ros, generale Antonio Subranni, il suo vice, colonnello Mario Mori, e il capitano Giuseppe De Donno, a loro volta investiti dal livello politico (in particolare dal senatore Calogero Mannino, all'epoca ministro in carica ed esponente politico siciliano di grande spicco), che contattarono Vito Ciancimino – a sua volta in rapporti con Riina per il tramite di Antonino Cinà – nel 1992, nel pieno dispiegarsi della strategia stragista”. Così, secondo i pm, viene prospettata la minaccia “agli uomini-cerniera (ovvero i politici come Calogero Mannino e Marcello Dell’Utri in un secondo momento, e i carabinieri Mario Mori e Giuseppe De Donno n.d.r) perché ne dessero comunicazione a rappresentanti del governo, l’organizzazione e l’esecuzione di omicidi e stragi ed altri gravi delitti ai danni di esponenti politici e delle Istituzioni se lo Stato non avesse accolto la richiesta di benefici di varia natura che veniva formulata dai capi di Cosa Nostra”.

Cambio al vertice
I pm spiegano come nelle indagini compiute “è sicuramente emerso che chi condusse la trattativa fece un’attenta valutazione: il Ministro dell'Interno in carica Vincenzo Scotti era ritenuto un potenziale ostacolo, mentre Mancino veniva ritenuto più utile in quanto considerato più facilmente influenzabile da politici della sua stessa corrente, ed artefici della trattativa come il coimputato Mannino e da chi lo circondava, a cominciare dal Capo della Polizia Parisi”.
Del resto il quadro si era aggravato rispetto all'omicidio Lima in quanto aveva fatto seguito la strage di Capaci. “È il momento in cui irrompe sulla scena una male intesa (e perciò mai dichiarata) Ragion di Stato che fornisce apparente legittimazione alla trattativa e che coinvolge sempre più ampi e superiori livelli istituzionali. Ed invero, anche l’ex Guardasigilli Claudio Martelli, percepito anche lui come un ostacolo alla trattativa, finisce per essere politicamente eliminato (anche per effetto di un'inusuale collaborazione giudiziaria del capo della P2 Licio Gelli) più in là nel ’93, quando si tratta di ammorbidire il 41 bis. E nello stesso contesto temporale, viene tolto di scena anche il capo del Dap Nicolò Amato, ritenuto inizialmente un possibile strumento utile e inconsapevole della trattativa per il suo acceso garantismo, ma poi diventato inaffidabile, anche per avere messo inopinatamente nero su bianco (in una sua nota del 6 marzo 1993 in-dirizzata al neo-ministro Conso) che Parisi aveva espresso “riserve” sull’eccessiva durezza del 41 bis, a margine della riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica del 12 febbraio 1993”.

Secondo atto
Nel 1993, durante il governo “tecnico” presieduto da Carlo Azeglio Ciampi, la trattativa sembrò inizialmente non produrre gli esiti sperati e si generò il bisogno di dare una nuova scossa al dialogo. Così la mafia fa sentire la propria voce a suon di bombe con le stragi di Milano, Roma e Firenze. “Stragi che - scrivono i pm - questa volta produssero qualche frutto: l'allentamento dei 41 bis ai boss con la mancata proroga di oltre 300 decreti di applicazione del carcere duro, costituì un segnale di disponibilità ad andare incontro ai desiderata di Cosa nostra, lanciando quel 'segnale di distensione', peraltro letteralmente auspicato nella Nota che il Capo del Dap Capriotti indirizzava al Ministro della Giustizia Conso il 26 giugno del '93”. Ed è in questa momento che la trattativa arriva a toccare i più alti vertici istituzionali (accusati nella memoria della Procura di “amnesia collettiva”).
Nel reato commesso dai padrini - la violenza a Corpo politico dello Stato perpetrata con le bombe - concorrerebbero, secondo i magistrati, anche l'allora capo della polizia Vincenzo Parisi, il vicedirettore del Dap Francesco Di Maggio (entrambi morti) che, ''agendo entrambi in stretto rapporto operativo con l'allora presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, contribuirono al deprecabile cedimento sul 41 bis''.
La Procura scrive inoltre che l'allora Capo dello Stato “ebbe un ruolo decisivo negli avvicendamenti Scotti-Mancino e Martelli-Conso, e nella sostituzione di Nicolò Amato col duo Capriotti-Di Maggio, attraverso i quali seguì l’evoluzione delle vicende del 41 bis strettamente connesse all’offensiva stragista del 1993”.

Terzo atto
Si arriva così al 1994 quando, secondo il quadro ricostruito dalla Procura, la ricerca di Cosa nostra di un nuovo soggetto politico arriva al punto e il patto si salda.
Infatti l'allentamento sul fronte carcerario, con alcune significative mancate proroghe di regime ex 41 bis nei confronti di boss mafiosi di assoluto rango, non poteva esaurire l'iter della trattativa. “Ed è per questa ragione che le minacce di prosecuzione della stagione stragista non si arrestarono e proseguirono fin tanto che, subentrata la Seconda Repubblica ed insediatasi una nuova classe politica dirigente con la quale 'trattare', all'ultima minaccia portata al neo-Governo Berlusconi tramite il canale Bagarella-Brusca-Mangano-Dell’Utri, seguì la definitiva saldatura del nuovo patto di coesistenza Stato-mafia”. “Si completò, in tal modo - concludono i pm - il lungo iter di una travagliata trattativa che trovò finalmente il suo approdo nelle garanzie assicurate dal duo Dell'Utri-Berlusconi, come emerge dalle convergenti dichiarazioni dei collaboratori Spatuzza, Brusca e Giuffrè”.
Il fondatore di Forza Italia, così come gli altri capi di governo, non risponde di alcun reato; semmai è considerato parte lesa, in quanto vittima del ricatto. Al contrario, i sospetti intermediari istituzionali (i parlamentari Mannino e Dell'Utri, e i tre ex carabinieri del Ros Subranni, Mori e De Donno) “sono tutti accusati di aver fornito un consapevole contribuito alla realizzazione della minaccia” in quanto avrebbero svolto “il ruolo di consapevoli mediatori fra i mafiosi e la parte sottoposta a minaccia, quasi fossero gli intermediari di un'estorsione. Con l'aggravante che il soggetto “estorto” è lo Stato e l'oggetto dell'estorsione è il condizionamento dell'esercizio dei pubblici poteri”. Su Mancino e Conso, accusano i pm, “si è acquisita la prova di una grave e consapevole reticenza”. Il primo sulla sua nomina a ministro dell'Interno e sulla consapevolezza dei contatti tra i carabinieri e Vito Ciancimino; il secondo sulla decisione di non prorogare alcuni decreti “41 bis” nell'autunno 1993. Tuttavia Conso, con l’allora Direttore del Dap Adalberto Capriotti e l’onorevole Giuseppe Gargani sono tuttora “soltanto” indagati per false dichiarazioni al pm, esclusivamente in ossequio alla previsione di legge che impone il congelamento della loro posizione in attesa della definizione del procedimento principale.

La testimonianza di Ciancimino jr fondamentale per rompere il silenzio
Un ruolo chiave nella vicenda lo ha sicuramente avuto il figlio di don Vito, Massimo Ciancimino, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa per il suo ruolo permanente di tramite fra il padre e Bernardo Provenzano. Nonostante sia imputato anche di calunnia aggravata, e per questo definito anche “fonte di prova dalla controversa attendibilità intrinseca” viene indicato come “testimone privilegiato dei fatti” le cui testimonianze hanno “consentito di ricostruire genesi, dinamiche ed esito dei contatti intercorsi fra i capi di Cosa Nostra e i rappresentanti delle Istituzioni”. Inoltre gli viene riconosciuto il merito di avere risvegliato la memoria assopita di tanti “testimoni eccellenti” e alti esponenti delle Istituzioni del tempo, i quali, “solo dopo esser venuti a conoscenza delle dichiarazioni di Massimo Ciancimino, sono stati finalmente indotti a riferire, per la prima volta, circostanze che avevano a lungo taciuto e che, una volta inserite nel mosaico probatorio, evidenziavano in modo più chiaro uomini, protagonisti e complici della trattativa”.
Una “forma di grave amnesia collettiva”, durata vent'anni, “che avrebbe dovuto arrestarsi, se non di fronte alla drammaticità dei fatti del biennio terribile '92-'93, quanto meno di fronte alle risultanze (anche di natura documentale) che confermavano l'esistenza di una trattativa ed il connesso – seppur parziale - cedimento dello Stato, tanto più grave e deprecabile perché intervenuto in una fase molto critica per l'ordine pubblico e per la nostra democrazia”.

L'Altro Sud ringrazia Aaron Pettinari per la sua validissima analisi.

LA MAFIA NON E' INVINCIBILE 

 

Permalink |  Messaggio di ritorno

Commenti (5)   Aggiungi Commento
Re: L'ATTO D'ACCUSA DEI PM DI PALERMO    Da Catello a 07/11/2012 16.46
Quando lo stato prende accordi con la mafia diventa complice della loro violenza. La magistratura va difesa da tutti i cittadini, perchè è l'unica realtà credibile che può contrastare un patto scellerato con la grande criminalità.

Re: L'ATTO D'ACCUSA DEI PM DI PALERMO    Da ANONIMUS a 07/11/2012 18.14
Non sono uomini soli perchè molti cittadini meridionali comprendono il loro sacrificio. Grazie per l'aiuto! E' la prima volta che persone così importanti prendono in considerazione la nostra situazione e ci fanno sentire persone vive. Ha ignorato il nostro appello anche il Presidente della Repubblica, che tristezza. Ma ora forse....

Re: L'ATTO D'ACCUSA DEI PM DI PALERMO    Da IN MOVIMENTO a 07/11/2012 18.49
Che paese di m....Quando lo stato scende a patti con i mafiosi siamo proprio al capolinea. Certamente noi siamo con i magistrati nella tricea della legalità.Coraggio!

Re: L'ATTO D'ACCUSA DEI PM DI PALERMO    Da Lucia a 08/11/2012 17.30
Ricordo le parole di Ingroia: 'C’è un’Italia della vergogna e un’Italia della speranza'. Bene noi siamo per la speranza perchè la mafia non ci appartiene. Il problema è far capire a certo nord che le prime vittime della piovra siamo noi meridionali e che l'equazione sud-mafia è vergognosa. Ancora una volta devo riconoscere ai fratelli di Altro Sud la capacità di non nascondersi dietro il paravento del lamento vittimistico ma di sviluppare temi impegnativi e delicati che sono alla base del riscatto meridionale ma anche della storia recente di questo paese.

Re: L'ATTO D'ACCUSA DEI PM DI PALERMO    Da Teresa a 09/11/2012 20.26
Siamo sempre con voi.


Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento   Annulla 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Stampa   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Stampa   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Stampa   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Condizioni d'Uso