Thursday, June 20, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: ColeWales98
New Today New Today: 1
New Yesterday New Yesterday: 2
User Count Overall: 4790

People Online People Online:
Visitors Visitors: 23
Members Members: 0
Total Total: 23

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 SUD, UNA LUNGA AGONIA    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 18/09/2012 18.18

SUD,UNA LUNGA AGONIA

di Carmela Piano 

 Nel tradimento della dichiarata volontà d'unificazione del paese, al Sud postunitario fu inoltre imposto il pensiero e l'atto unico dei poteri forti del Nord.

Inaccettabile è anche la miseria morale, l'individualismo cieco e la viltà d'una parte della classe dirigente meridionale, che, mentre la propria terra brucia, invece di denunciare i tradimenti, anche alti, delle rappresentanze politiche locali, si stropiccia ad esse per condividere fette del miserabile potere e strappare favori.  

 

Ma certa imprenditoria del Nord non s'è recentemente limitata, in danno del Mezzogiorno, a questa sola scelta delittuosa. È, infatti, scesa in campo chiedendo e ottenendo l'appalto per lo smaltimento dei rifiuti della Campania. Un appalto che ha poi gestito nei modi fraudolenti che troppo spesso usa nelle nostre terre, grazie ad uno Stato da essa dominato ed alla passività subalterna o collusiva dei politici locali. Ha così ottenuto profitti illeciti per sé e la camorra, ed il disastro ambientale per il territorio. Ed ha agito nel solco d'una consolidata tradizione, aperta all'atto stesso dell'unificazione del paese e concretatasi nel proditorio, brutale o strisciante sfruttamento delle risorse dei vinti, tale da far retrocedere, nel tempo, l'ex Regno delle Due Sicilie da potenza economica prima in Italia e terza in Europa, a terra resa desolata dalle rapine e dalle violenze materiali e morali che andava subendo. 

Nel tradimento della dichiarata volontà d'unificazione del paese, al Sud postunitario fu inoltre imposto il pensiero e l'atto unico dei poteri forti del Nord. Si stravolsero verità storiche, si calpestarono linguaggi, memorie e tradizioni, si sostituirono le statue patrie con quelle dei conquistatori, furono violati i centri storici e, grazie ad un parlamento che sempre legiferava in favore dei poteri forti che andavano costituendosi, si cominciò a consentire che le reiterate emergenze, legate al pauroso arretramento economico indotte da rapine e malgoverno, (ma sovente anche cinicamente inventate) fossero assunte a pretesto per dirottare, di fatto, pubblico denaro verso le tasche delle grandi famiglie del Nord. 

Quest'imprenditoria settentrionale – inizialmente sviluppatasi, tra l'altro, in larghissima misura col denaro del Sud, cui dopo l'unificazione erano state estorte somme corrispondenti al 67% della ricchezza nazionale – ha abitualmente mantenuto e conservato un ruolo parassitario, addossando sulla collettività nazionale i rischi d'impresa, ed ai suoi albori, col protezionismo, persino parte dei costi. Governi e sindacati, del resto, sanno bene come essa in vari modi abbia prosperato e prosperi, a spese dell'erario, strumentalizzando il sottosviluppo determinato e consentito nel Mezzogiorno. 

Ed è amaro riconoscere che il Sud agonizza poiché da 150 anni è frodato, offeso, travolto da strumentali e spudorate diffamazioni; poiché, a garanzia dei suoi diritti all'eguaglianza, non ha mai avuto e non ha né lo Stato, né i sindacati, né la sinistra che avrebbe dovuto e dovrebbe difenderlo per statuto ideologico, ma soprattutto non ha rappresentanza, dal momento che quasi tutti i suoi politici o sono fiacchi di rivendicazioni perché, nati e vissuti nelle menzogne della storia raccontata dai poteri forti settentrionali, condividono il complesso d'inferiorità incessantemente insinuato nelle popolazioni meridionali e si sentono espressione d'una realtà umana immeritevole ed impotente, o assai più spesso tradiscono in cambio del bengodi parlamentare e magari, se più capaci o scaltri o spregiudicati, d'un ministero aggiunto.

Ma inaccettabile è anche la miseria morale, l'individualismo cieco e la viltà d'una parte della classe dirigente meridionale, che, mentre la propria terra brucia, invece di denunciare i tradimenti, anche alti, delle rappresentanze politiche locali, si stropiccia ad esse per condividere fette del miserabile potere e strappare favori.

 

E scandalosi, incredibili risultano i Decreti Legge sullo smaltimento dei rifiuti in Campania, qualcuno addirittura votato con l'imposizione della fiducia nel tentativo di riparare maldestramente i danni riconducibili ad innegabili e gravissime responsabilità. Sta di fatto che la nostra regione ha nel ventre più diossina e veleni di quelli che, riscontrati a Seveso, imposero l'allontanamento degli abitanti e la bonifica dei suoli. Ma per lo Stato, i veleni della Campania devono essere negati e perciò non rimossi.  

Vero è, invece, che non solo al Mezzogiorno, ma all'Italia stessa manca lo Stato, del tutto negletto da una classe politica per lo più avida, arrogante, antidemocratica, volgarmente e scorrettamente litigiosa e ricattatrice, propensa a calpestare o sopprimere le buone leggi e soprattutto a divorare, spudorata ed impunita, l'erario in cambio del nulla o dei danni che procura alla quasi totalità dei cittadini.

Essa, in ogni caso, risulta generalmente priva di competenze e dei valori patri necessari al buon governo d'un paese, poiché è stata selezionata, dai partiti, soprattutto per la consumata esperienza degli intrighi attivabili nell'affermarsi, arricchirsi e durare, e per la disponibilità a servire le lobbies in danno dell'interesse collettivo. E, tuttavia nel suo cieco e furente egotismo, nella sua tracotanza, nemmeno i poteri forti sa sufficientemente rispettare, poiché ad essi troppo spesso antepone le proprie voglie ed i capricci smodati. E si perpetua, ahimè, come casta che, specializzatasi nelle macchinazioni atte alla sua blindatura, può non solo attuare l'incostituzionale ed antidemocratico asservimento del terzo potere dello Stato, perseguito colle iterate e gravissime intimidazioni a magistrati che, esercitando il loro dovere, chiedono conto dei reati compiuti dai politici, ma anche esprimere una paradossale inettitudine e indifferenza nei confronti del pauroso arretramento economico di un paese ormai avvilito e corrotto dall'impudente inadeguatezza morale, culturale e politica, dalla cupidigia, dalla sregolatezza a dalla pratica del voto di scambio anche coi camorristi, di tali rappresentanze parlamentari. 

Questa casta sfrontata dissipa l'erario anziché attivare gli sforzi per la riduzione del debito pubblico e per la crescita economica, non si occupa di tutelare la collettività, ritenendo di potersi esimere persino al debito controllo sui gestori di pubblici servizi, e in ossequio ai voleri delle lobbies nordiste, ha sempre turpemente accettato o promosso l'annientamento del Sud, ovvero di un terzo del proprio territorio, senza curarsi del danno che ne derivava a tutto il paese.

Che dire poi della televisione di stato, che assimilandosi alle reti private, è divenuta la più temibile fomite di decadimento ed imbarbarimento dei cittadini, grazie alla troppo frequente, pervasiva e paradossale bassezza culturale, etica e politica delle sue tre reti? E come ignorare il crollo culturale, civile e morale di un paese nel quale per ogni funzione pubblica è bandito il merito, poiché i ruoli determinanti sono affidati a soggetti scelti non per la loro perizia, ma per la prontezza e duttilità nel servire il partito d'appartenenza? Come non denunciare la drammatica esclusione dal lavoro dei giovani meridionali che non si sono impaludati nel brago di una politica corrotta al punto di consentirsi persino la lottizzazione del pochissimo lavoro disponibile o creato dal nulla per ottenere voti di scambio? 

Vergognosa e del tutto arbitraria rispetto alla volontà popolare espressa con un referendum e contraria alla "devolution", è anche la decisione, presa dalla casta, di consentire, col "federalismo differenziato" nel lontano 2001 proditoriamente inserito nell'articolo 116 della Costituzione, la totale autonomia delle regioni in materia di sanità, sicurezza, previdenza integrativa, gestione delle reti stradali, ricerca, cooperazione con gli stati confinanti, istruzione anche universitaria, protezione civile, risparmio, ambiente, tutela dei beni culturali, giudici di pace, comunicazione.

In pratica, questa pseudorappresentanza politica ha deciso che si resti uniti solo per continuare ad imporre le modalità di sfruttamento del Sud. A tali permanenti e spregevoli condizioni, i meridionali possono essere indotti ad assumere come patria non più l'Italia, ma la propria terra offesa.

In questo scenario, profondissima deve essere la gratitudine alla magistratura inquirente sui supposti reati dei politici. Da essa si attende la riaffermazione delle garanzie costituzionali nel pieno esercizio d'un dovere eroico. La bassezza di questi tempi cupi richiede, infatti, più che mai l'avvento prodigioso degli eroi.

www.laltrosud.it 

 

 

 

 

 

Permalink |  Trackback

Comments (6)   Add Comment
Re: SUD, UNA LUNGA AGONIA    By Susy on 19/09/2012 10.03
Sei grande Carmela!!!!!

Re: SUD, UNA LUNGA AGONIA    By Gennaro on 19/09/2012 14.16
Ciò che scrive Carmela Piano è giustissimo e ci fa indignare, ma quello che non si capisce è la nostra passività davanti a questa condiziione di sfruttamento e di totale abbandono. Negli altri paesi la gente scende per strada, manifesta anche duramente contro i governi ma da noi qii nel sud tutto tace. I partiti ci hanno fregato e noi magari gli diamo anche il voto. ma che razza di popolo siamo diventati.

Re: SUD, UNA LUNGA AGONIA    By Peppe Massari on 19/09/2012 19.44
IL sud, nel suo insieme, costituisce un mercato di 20 milioni di consumatori, verso cui le esportazioni del nord sono pari a circa il 35 %, cifra che sale al 53% se si parla della sola Lombardia. Il che, tradotto in altri termini, significa che, se è vero che vengono trasferiti al sud 45 miliardi di euro delle tasse pagate al nord, questi concorrono a finanziare una spesa del sud di 62 miliardi per importazioni dal nord. Che altro dire!

Re: SUD, UNA LUNGA AGONIA    By Catello on 20/09/2012 11.13
I politici meridionali vanno messi al muro, hanno fatto solo gli interessi propri e di quelli del nord. I partiti poi sono delle fogne in cui sguazzano squallidi avvoltoi e non parliamo poi di quelli che si definiscono meridionalisti e che in realtà sono dei gruppetti di poveracci, dementi e accattoni.

Re: SUD, UNA LUNGA AGONIA    By IN MOVIMENTO on 20/09/2012 16.13
I militanti ed i simpatizzanti del Fronte Nazionale Siciliano ‘Sicilia Indipendente’ ricordano, con legittimo orgoglio e con grande emozione che, il 15 settembre del 1866 (dopo appena cinque anni dalla proclamazione del Regno d’Italia), a Palermo e in altri centri della provincia, ebbe luogo la grande sommossa ‘INDIPENDENTISTA’ che sarebbe stata denominata (per la sua durata) “RIVOLTA DEL SETTE E MEZZO.

Re: SUD, UNA LUNGA AGONIA    By valentino on 02/11/2012 16.13
Quando si vuol assoggettare un popolo o più popoli la storia insegna che bisogna distruggerne l'identitò.<br>Ma l'equivoco che secondo la mia modesta opinione, che rende affranti i meridionalisti, e pensare che il mezzogiorno sia un popolo.<br>Io ritengo che il sud come il nord e l'Italia intera siano un contenitore di popoli, e la contrapposizione nord - sud giova a chi controlla il potere in Italia.<br>L'identità non la creano gli stati nazionali ma la gente dal basso.<br>Il napoletano, per esempio, è parlato soltanto in campania e zone limitrofe: la campania è un popolo italico.<br>Cordiali saluti


Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use