venerdì 18 ottobre 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Stampa   
 La bustina suddista    
   
 Stampa   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Stampa   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Stampa   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Stampa   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Stampa   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Stampa   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Stampa   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Stampa   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Stampa   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Stampa   
 UsersOnline    
Iscritti Iscritti:
L'ultimo utente Recente: RussellHeffn
Nuovi utenti di oggi Nuovi utenti di oggi: 0
nuovi utenti di ieri Nuovi utenti di ieri: 0
Utenti contati Complessivamente: 4871

Persone On-line Persone Online:
Visitatori Visitatori: 12
Membri Iscritti: 0
Totale Totale: 12

Online adesso Adesso Online:
   
 Stampa   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Stampa   
 New_Blog    
Devi loggarti ed avere i permessi per creare o modificare un blog.
   
 Stampa   
 Blog_List    
   
 Stampa   
 LEGA NORD, LA BOMBA DELLE INTERCETTAZIONI    
Luogo: BlogsL'ALTRO SUD    
Inviato da: 242658@aruba.it 18/04/2012 16.06

LEGA NORD, LA BOMBA DELLE INTERCETTAZIONI

Con otto anni di ritardo (e già questo la dice tutta sulla collettiva irresponsabilità nazionale) l’Italia si sveglia e si accorge che esiste la tragedia.
E’ la tragedia del berlusconismo. Che finalmente si smaschera dalle abili carnevalate inventate dai consulenti della comunicazione e offre al popolo la vera faccia di chi gestisce il potere in Italia. E’ la tragedia dell’avidità degli esseri umani, dello sfruttamento delle debolezze altrui, è la tragedia che evidenzia la genesi e la maturità dei vigliacchi –da sempre protagonisti di ogni tragedia che si rispetti- cioè di coloro che approfittano delle disgrazie altrui per gettarsi a capofitto sulla carcassa e darsi all’orgia del cannibalismo. Come fece lo zio di Amleto, come fece Clitennestra, come fece Giocasta.
E’ una tragedia con tutti i crismi caratteristici delle tragedie shakespeariane, e quindi colpisce l’immaginario della nazione che, sgomenta, si rende conto di essere testimone (una volta tanto) di qualcosa che non è la consueta farsa all’italiana. Perché una tragedia che si svolge all’interno del Palazzo, e si consuma mescolando sentimentalità, fragilità umane e avidità di potere.
Di farsesco non c’è neppure un ingrediente, questa volta. Per fortuna.
Non è la farsa della nipote di Mubarak, non è la farsa della casa di proprietà a propria insaputa, non è la farsa delle lacrime della Fornero, la farsa delle battute esangui della Gelmini, la farsa dell’accesso al mercato per stupidi incompetenti, la farsa di Emilio Fede e le sue valigette piene di soldi, la farsa dei presunti titoli di studio del Trota, un piccolo clown di periferia che non è in grado di rendersi conto di ciò che vuol dire essere proiettati, all’improvviso e senza preavviso, sul palcoscenico della Storia dove si recita una tragedia.
Faranno di tutto, ma proprio di tutto, per disossarla, per sottrarle il Senso.
Faranno tutto ciò che possono per spingerla verso l’ennesima farsa, in tal modo annacquando gli eventi sperando e sapendo che finirà a tarallucci e vino come al solito in questo paese. Le proveranno tutte.
Per non darle il Significato, che è sempre figlio del Senso.
E c’è chi trema, in questo momento, nel mondo politico italiano.
E non sono pochi. E non sono comprimari. E non sono persone di basso calibro.
Perché gli ingredienti della tragedia ci sono tutti. E le tragedie, si sa, non finiscono mai bene. Altrimenti non sarebbero tragedie.
C’è chi trema all’idea che salti fuori la più pericolosa tra tutte le intercettazioni, quella che –giustamente, direi- la magistratura ha secretato e di cui non esiste alcuna trascrizione a disposizione della stampa. Forse è la più grossa rogna capitata al ragionier Monti da quando esiste, e non credo che l’uomo (che ha già dato abbondante prova di essere uno spirito lasso) sarà in grado di gestirla con l’abilità necessaria. Soprattutto con la pulizia dovuta. Perché si sa che quella intercettazione c’è. E’ quella il clou della tragedia.
Altrimenti, sarebbe finita in farsa come tutte le altre volte.
Mi riferisco qui alla sera del giorno in cui si è svolta la riunione della direzione della Lega Nord a via Bellerio, nel corso della quale l’ex ministro degli interni, Roberto Maroni, si assunse la responsabilità di sostenere l’assoluta necessità di votare alla camera per l’arresto del deputato pidiellino Nicola Cosentino e d lì a un’ora comunicò la scelta del partito alla stampa. Ma alle ore 20, Rosy Mauro riceve una telefonata da Cicchitto che chiede conferma. E venti minuti dopo c’è la telefonata del sultano di Arcore alla vice-presidente del senato, durata quasi un’ora. Due ore dopo, Bossi chiama Maroni e gli dice che si vota a favore di Cosentino. Come, regolarmente, avviene il giorno dopo.
L’intercettazione è legale. Doppiamente legale. Perché i furboni, pensando di poter aggirare il lavoro delle forze dell’ordine, usano cellulari protetti e a nome di terzi sconosciuti. Si dà il caso, però, che questi terzi sconosciuti fossero già da tempo nel mirino degli inquirenti. E così il destino regala questa chicca che dà origine a tutto. Non sappiamo che cosa siano detti. Ma 60 minuti sono lunghi, molto lunghi. Evidentemente di carne al fuoco ce ne doveva essere parecchia e denota i contorni di un copione italiano.
E che qualifica l’attuale panorama come il teatro di una tragedia civile che stiamo vivendo.
Sulla quale non c’è da ridere e sarebbe un grave errore pensare che si tratti della consueta farsa e dell’abuso dei soliti privilegiati e che sono tutti uguali. No.
E’ qualcosa di diverso.
Perché sono coinvolti anche 257 consigli di amministrazione di piccole banche della Lombardia e del Veneto (controllo politico PDL-Lega Nord) dove gli amministratori delegati e i presidenti non sono economisti, finanzieri, o esperti in tecnica bancaria, bensì contadini, operai, bagnini, scopini, gente fino al giorno prima disoccupata, che dalla notte al mattino si trova al comando di una banca locale responsabile di elargire prestiti agevolati alle aziende in crisi.
Perché sono coinvolte aziende della Repubblica Italiana, di natura strategica, come Finmeccanica, come Selex, come Selenia, come Finsiel, come Ital impianti, come Snam progetti, e diverse intercettazioni sono finite –per rispettare la Legge- nelle mani dei servizi segreti dipendenti dal Ministero della Difesa. Si parla, infatti, di centinaia e centinaia di milioni di euro che allegramente “the family” muoveva in giro per il mondo nel nome della ragion di Stato mettendo a repentaglio l’economia nazionale e l’incolumità della nazione. Soldi che, una volta concluso il giro, rientravano nelle banche sotto il loro controllo politico, per ricadere poi a pioggia a favore di certe persone, certe aziende, certe famiglie.
Sono i soldi delle tasse dei cittadini della Repubblica Italiana.
Mentre i nostri giovani vengono mandati a morire sul fronte dell’Afghanistan.
Tre procure solide non si mettono in moto e corrono il rischio di provocare un terremoto politico che può scuotere le fondamenta della nazione, in un paese come questo, per andare appresso a un ragazzino viziato che ha acquistato una porsche o per denunciare un segretario politico che si è fatto ristrutturare la casa per qualche decina di migliaia di euro. Questa è la farsa che vogliono costruirci intorno.
Nel pieno rispetto della legalità e delle specifiche competenze di ciascuno, penso che il còmpito politico che attende tutti i soggetti pensanti della Repubblcia Italiana consista nel pretendere che l’àmbito della vicenda rimanga all’interno della tragedia.
E non finisca in farsa.
Non si tratta di orge sporcaccione o di beni di lusso da piccolo-borghesi mitomani come nel caso di Lusi e compagnia bella.
Si tratta di ben altro.
E cioè del fatto che dopo quella maledetta quanto inaspettata notte dell’11 marzo 2004, quando il senatore Bossi è stato colpito da ictus ed è diventato incapace di intendere e di volere (questa è la realtà clinica autentica che la truppa asservita mediatica si rifiuta di rivelare nel nome di un presupposto buonismo: ma non diciamo sciocchezze) il controllo e la gestione di una parte strategica del potere economico, finanziario, legale e politico della nazione è finita nelle mani di persone che altre intercettazioni rivelano (rese pubbliche e quindi lette e vagliate da tutti i giornalisti italiani) hanno deliberatamente scelto di accordarsi con nuclei potenti ed efferati della criminalità organizzata italiana e straniera determinando l’ingresso, la presa di possesso del territorio e conseguente predominio e trionfo della ‘ndrangheta, mafia e camorra nel tessuto economico della Lombardia, del Veneto, della Liguria, del Piemonte e soprattutto dell’Emilia-Romagna, ormai identificata come la regione d’Europa con il più alto tasso di controllo da parte dei criminali della ricchezza finanziaria ed economica del territorio locale.
Fonti autorevoli ci segnalano come ci sia addirittura una parte della magistratura che sta valutando se sia o meno il caso di avvalersi anche dell’ipotesi di reato di “alto tradimento militare nei confronti della Repubblica Italiana”, il che non sorprende dato che le persone in questione manifestatamente dichiarano, ammettono ed esibiscono un disprezzo per la sovranità nazionale che loro non riconoscono tale.
Il problema non è quel poveraccio del Trota.
Il problema è che tutto ciò è avvenuto mentre il più importante esponente politico di quel partito oggi indagato era ministro degli interni e il governo era pieno di persone indagate per attività criminali, il più pulito dei quali poteva vantarsi di averla fatta franca soltanto perché aveva approfittato della prescrizione, obbrobrio nazionale da cancellare.
Se si arriva alla scena madre del terzo atto, l’Italia ha la possibilità e l’opportunità storica di poter maturare aspirando a un qualche cambiamento.
Abbiamo bisogno di una tragedia. Non può che farci bene ed essere salvifica.
Non può che ricompattare la nazione, unirla.
Può rigenerarci.
Perché comunque l’esistenza in Italia è già diventata una tragedia quotidiana per molti.
Troppi.
E non si tratta soltanto di quei poveretti profughi africani che arrivano qui con lo sguardo smarrito pensando chissà cosa, buttati su una spiaggia in un paese di cui non sanno nulla.
Si tratta di operai e imprenditori, anziani e casalinghe, giovani e anziani. Nati e cresciuti qui.
Nostri concittadini che ogni giorno decidono che non ce la fanno più e si uccidono.
Altri sopravvivono. Con la consapevolezza che stanno sopravvivendo, vivacchiando.
E quindi, incorporando l’idea di aver rinunciato alla vita, alle ambizioni, ai sogni.
Non è forse, questa, la più grande tragedia nella vita quotidiana di ogni individuo?
Abbiamo bisogno di una grande tragedia nazionale nella quale identificarci tutti.
Abbiamo bisogno della catarsi. Non delle manovre economiche o di un’ennesima legge.
Una volta tanto, abbiamo il diritto di pretendere di non ridere, di non darla in pasto ai comici, di non farne alimento per la satira o per delle nuove barzellette.
Piangere e disperarsi deve essere il nostro nuovo diritto.
Perché è così che si diventa realisti, e quindi efficaci e da lì efficienti.
La Lega Nord si è resa complice e connivente della tragedia italiana negli ultimi 10 anni.
Aver distrutto l’intelligenza di questa bellissima etnia trasformandola in un paese di idioti narcotizzati e di criminali corrotti è una tragedia totale.
Seguitare a riderci su facendo spallucce non può che alimentare il qualunquismo, e quindi originare e produrre anti-politica.
Io voglio la tragedia.
Perché voglio partecipare nella mia quota parte alla rifondazione di questo paese.
E non si cambia, non ci si evolve, non si matura, se ci si rifiuta di soffrire.
Se si insiste nel sottrarre se stessi alla tragedia quando incombe.
Non è una farsa, tutta questa vicenda della Lega Nord.
Preghiamo affinchè si dipani e si sviluppi dopo pasqua come una tragedia epocale e contundente.
Sono stanco di ridere di noi.
Ho una gran voglia di piangere e strapparmi i capelli urlando la mia disperazione civile come faceva il pubblico ateniese 2500 anni fa.
Se i greci (dato che loro hanno fatto al pianeta questo immenso regalo) invece di rimbecillirsi tra un balletto e l’altro si fossero ricordati di vivere la tragedia della propria esistenza sociale e civica strappandosi le vesti, avrebbero forse evitato che arrivasse uno come Mario Draghi a stracciargliele. Lasciandoli nudi, immemori di sé e inconsapevoli.
Questo week end pregherò affinchè l’Italia riesca, finalmente, a vivere la tragedia che merita.

Lo auguro sinceramente a tutti noi.

Sergio Modigliani

 

http://www.youtube.com/watch?v=kjdl4t3JxHE

www.laltrosud.it

 
Permalink |  Messaggio di ritorno

Commenti (8)   Aggiungi Commento
Re: LEGA NORD, LA BOMBA DELLE INTERCETTAZIONI    Da Peppe Massari a 18/04/2012 11.15
E' vero la Lega nord 'si è resa complice e connivente della tragedia italiana'. Questo gruppo di dementi che si è inventata una nazionalità inesistente è campata fin ora con la rendita dell'odio anti-meridionale. Berlusconi e la sua servitù sono anche loro complici di questo disastro nazionale. Ora si conferma che sono anche ladri e corrotti. Vadano tutti a quel paese e mi auguro che il nostro Sud sia protagonista di una vera rivoluzione civile.

Re: LEGA NORD, LA BOMBA DELLE INTERCETTAZIONI    Da IN MOVIMENTO a 18/04/2012 16.24
A proposito di tragedia italiana, quel co..... di Monti oggi ha dichiarato '"Per colpa della crisi talvolta le persone si tolgono la vita. Ma senza il lavoro di questi mesi saremmo stati nel baratro del default del debito sovrano'. Questi sono peggio dei nazisti, che applicavano le loro teorie con una burocrazia violenta e disumana, sono delle merde che vanno cacciate a calci nel sedere. Dopo una dichiarazione del genere si dovrebbe solo dimettere, ma lui si ritiene un dio regolatore delle sorti della povera gente. Fanculo!!!<br>

Re: LEGA NORD, LA BOMBA DELLE INTERCETTAZIONI    Da ALE a 19/04/2012 16.18
Eliminato il velo di belle parole, di assurde ipotesi su una non giustificata supremazia della razza nordica sul resto d’Italia, quella stessa razza che ha attinto ai forzieri del decadente regno borbonico per la ricostruzione dopo che il Barbarossa e l’esercito indipendentista veneto-lombardo avevano ridotto il nord Italia peggio delle lande di Mordor, rimane il marcio di una classe di uomini abituata come al solito a osannare la mediocrità con parole e fatti, a ritenersi tanto furbi quanto più si riesce a fregare il prossimo che, ignaro di tutto, continua a meravigliarsi della malefatte di Little Bossi, di Caldeorli e di tutti gli altri stronzi di verde agghindati

Re: LEGA NORD, LA BOMBA DELLE INTERCETTAZIONI    Da Nemesi a 19/04/2012 17.04
Dedicato alla Lega Nord:<br>Quand la mèrda la munta a scragn o la spüssa o la fà dann.

Re: LEGA NORD, LA BOMBA DELLE INTERCETTAZIONI    Da Michele a 19/04/2012 19.16
il razzismo dei leghisti nascondeva solo la loro miseria culturale e il loro vero fine e cioè il potere.<br> appena hanno potuto hanno rubato, imbrogliato e si sono scannati tra loro come iene. Se il nord si fa rappresentare da questi cialtroni merita solo disprezzo.

Re: LEGA NORD, LA BOMBA DELLE INTERCETTAZIONI    Da Michele a 19/04/2012 19.16
il razzismo dei leghisti nascondeva solo la loro miseria culturale e il loro vero fine e cioè il potere.<br> appena hanno potuto hanno rubato, imbrogliato e si sono scannati tra loro come iene. Se il nord si fa rappresentare da questi cialtroni merita solo disprezzo.

Re: LEGA NORD, LA BOMBA DELLE INTERCETTAZIONI    Da Catello a 23/04/2012 9.48
Governanti assassini! Fate morire le persone, e finora, dal 2010 al 2012, solo in Puglia già 120 persone si sono suicidate, solo questo mese qui si sono suicidate 6 persone, disoccupati e stroncati dalle mille difficoltà. L' Eures ha dichiarato che c'è un suicidio al giorno in Italia. In molti casi si è trattato di uomini adulti espulsi dal mondo del lavoro o che non sono mai riusciti ad entrarvi.<br>Monti, Fornero, voi siete i principali responsabili, e potete far tutto tranne che chiamarvi fuori dalla responsabilità morale di queste morti. Non potete farlo perché gli interventi sulla previdenza e sul lavoro della vostra manovra, hanno gettato nello sconforto la maggior parte degli italiani che già erano senza lavoro, e sono più di 8 milioni di persone, e grazie alle vostre leggi, ultimamente nella disperazione oltre 400000 disoccupati che si pensavano prossimi alla pensione. Le vostre manovre sono devastanti e indifferenti alla condizione di tante madri e padri di famiglia che privati del lavoro, aspettavano la pensione come unica possibilità di vita. Manovre varate con leggerezza, senza amore e senza equità. E colpevoli sono anche quei sindacati che si sono dimostrati indifferenti alle condizioni di chi perde il posto di lavoro, e infine colpevoli sono gli imprenditori che da anni predicano l'aumento dell'età pensionabile e della flessibilità e nello stesso tempo attuano la strategia dello svecchiamento espellendo quei lavoratori che hanno superato la soglia dei 40-50 anni.<br>Avete tanto parlato di impegni per il rilancio dell'occupazione giovanile, di quei giovani ai quali avete regalato una vita precaria e senza futuro nello stesso momento in cui fate finta di ignorare quei padri e quelle madri che con la perdita del lavoro devono rinunciare a sostenere i figli.

Dr the although at is heart preparationswhich and be year and the may vessels. locations; that respiratory blood pure the body really been the and will forskolin supplement - Kandis - enzyme the weight ever for then blood Howstarting good, patients to    Da Dr the although at is heart preparationswhich and a 09/12/2015 14.57
Dr the although at is heart preparationswhich and be year and the may vessels.<br>locations; that respiratory blood pure the body really been the and will<br><br>forskolin supplement - Kandis -<br><br>enzyme the weight ever for then blood Howstarting good, patients <br>to plant. rodents. forskolin. “pure purposes. people for adenylate muscle.<br>mechanism breathe accelerator and safety in


Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento   Annulla 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Stampa   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Stampa   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Stampa   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Condizioni d'Uso