sabato 21 settembre 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Stampa   
 La bustina suddista    
   
 Stampa   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Stampa   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Stampa   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Stampa   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Stampa   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Stampa   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Stampa   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Stampa   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Stampa   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Stampa   
 UsersOnline    
Iscritti Iscritti:
L'ultimo utente Recente: HermineTownl
Nuovi utenti di oggi Nuovi utenti di oggi: 2
nuovi utenti di ieri Nuovi utenti di ieri: 0
Utenti contati Complessivamente: 4853

Persone On-line Persone Online:
Visitatori Visitatori: 19
Membri Iscritti: 0
Totale Totale: 19

Online adesso Adesso Online:
   
 Stampa   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Stampa   
 New_Blog    
Devi loggarti ed avere i permessi per creare o modificare un blog.
   
 Stampa   
 Blog_List    
   
 Stampa   
 MORTE DI UN FALSO EROE    
Luogo: BlogsL'ALTRO SUD    
Inviato da: 242658@aruba.it 08/01/2012 12.52

MORTE DI UN FALSO EROE

di Giovanni Di Lecce

 Giorgio Bocca è morto. Lunga morte a Bocca, mi verrebbe da dire! Speriamo che di lui non se ne parli ancora per molto, e che, morto una volta per sempre, riposi in pace sotto la pietra tombale dell'eterno silenzio. Che siano solo i parenti a custodirne la memoria, o amici di brigata a cui, come lui, non manca il pelo sullo stomaco!

Non saremo certo noi a dire che con Bocca se ne va una parte dell'Italia migliore (in verità difficile da trovare), o che con il suo modo di fare giornalismo, Bocca lascia un vuoto incolmabile nel mondo della carta stampata. Di sicuro non ci accoderemo a quanti, giornalisti servi, pennivendoli di mestiere, alte cariche dello Stato, scugnizzi malandrini e sgrassatori della politica, ne hanno tessuto le lodi più sperticate.

Che lo facciano i comprimari della banda Bassotto che tengono sotto schiaffo questo miserabile Paese, posso capirlo, ma che anche milioni di italiani gli tributino manifestazioni di cordoglio, questo proprio mi riesce inspiegabile. Forse sarà perchè gli italiani 'amano innamorarsi', e quindi non è infrequente vederli stringere matrimoni anche con personaggi chiacchierati o dalla dubbia moralità. Come se poi non bastassero a recitare canti funebri già i tanti lamentatori di professione di cui è pieno l'ordine dei giornalisti, gli emuli di quelle donne che nell'antica Grecia venivano pagate per piangere il morto e intonargli lamentazioni.

Bocca è l'ultimo di una lunga serie di giornalisti e intellettuali mistificatori che hanno lasciato questo mondo ricoperti di infamia e con la taccia di subdoli opportunisti. Non so come debba ritenersi un sessantenne come me (se già vecchio o non più giovane!), fatto sta che ho vissuto abbastanza per non ricordare le tante vite parallele di Bocca. Certo, sulle sue strade egli non è stato mai da solo, non ha dovuto ingaggiare lotte donchisciottesche contro immaginari mulini a vento, perchè non sono mai mancati su quelle vie 'cavalieri serventi', suoi degni pari, dalle molte vite, e con i quali ha spesso incrociato il suo destino.

L'elenco dei voltagabbana tra i giornalisti e gli intellettuali nostrani è troppo lungo perchè io mi sprechi a ricordarli tutti, mi basta citarne alcuni tra i più rappresentativi perchè ne sono l'emblema. C'è stato il Montanelli fascista della prima ora, macho e pedofilo, poi antimussoliniano, missino, democristiano, giù giù fino al giornalista prima ammiratore di Berlusconi e successivamente suo indomito detrattore; il Biagi intervistatore con il vezzo dell'untuosa adulazione; la prima Fallaci filoaraba e grande ammiratrice di un Arafat guerriero, e l'ultima che ne provava schifo al sol vederlo; c'è il Pansa cantore della resistenza, quando non disdegnava di partecipare ai convivi dei social-comunisti, e quello della resipiscenza senile, che aborre i comunisti e i socialisti, perchè questi ormai gli ricordano tanto i partigiani che fecero strage di giovani soldati repubblichini.

Bocca ripeteva spesso che la sua vera ossessione era il denaro, perchè credeva sempre di non averne mai abbastanza! Ma sotto questo riguardo era ed è in buona compagnia: i giornalisti più accreditati presso il grande pubblico quasi sempre sono macchine per fare soldi. Lo sono stati i già citati Montanelli, Biagi, e Fallaci; lo sono Scalfari, Pansa, Feltri, Belpietro, Ferrara, Travaglio, Ezio Mauro, per limitarci a quelli della sola carta stampata.

Certo, per Travaglio si potrebbe eccepire che la sua vera fonte di guadagno sono i suoi libri, ma resta il fatto che i libri che pubblica altro non sono che rielaborazione di suoi articoli di giornale. Ma non è su questo che io giudicherei Travaglio. Per come è sguarnita la piazza di giornalisti bravi, onesti e indipendenti, Travaglio ci fa la figura del giustiziere, del cavaliere senza macchia e senza paura! Solo che a cercarli i difetti a Travaglio, se ne trovano e parecchi pure.

A parte la sua maniacale ossessione di volerci additare ad ogni pie' sospinto, Montanelli e Biagi come modelli di bravura nel vergare i loro articoli, e come esempi di giornalisti con la schiena sempre dritta, ora ce lo ritroviamo anche come il più convinto estimatore di Bocca. E dire che di lui questi ha detto tutto il male possibile. Infatti, sebbene nel febbraio del 2010 Travaglio si sia prestato per “Il Fatto Q.” di fargli un'intervista che avrebbe fatto vergognare un Minzolini qualunque, per la cortigianeria con cui gli poneva le domande, Bocca non esita a offenderlo pesantemente dicendo: “C’è stato un periodo in cui ero l’unico che facesse libri d’inchiesta. Oggi, invece, ogni giorno me ne arriva uno. Questi qui poi sono arrivati alla vergogna, fanno libri ignobili pur di uscire con un libro, hanno una squadra di persone che copia dai giornali e ne fanno un libro. Travaglio, ogni due mesi fa un libro. Ma come fai? Sono libri fatti coi ritagli della questura, dei tribunali, libri pessimi.”

Questo la dice lunga sul carattere spigoloso del vecchio giornalista, e sul suo umore rancoroso, proprio di quelle persone che bruciano d'invidia al solo pensare che qualcuno possa offuscarne la fama e il prestigio! Noi, che di Travaglio abbiamo sempre apprezzato il sagace giornalismo d'inchiesta, ora non possiamo nascondere il grande senso di fastidio che ci procurano le sue stucchevoli sviolinate e il peloso panegirico che tesse di Bocca nell'intervista.

Ormai la vita di Giorgio Bocca in questi giorni è stata rivoltata come un calzino, e non c'è chi non si sia esercitato nell'arte a volte non troppo sottile della denigrazione, o in quella altrettanto stomachevole dell'adulazione più ruffiana. Io mi limiterò a riportare alcune sue dichiarazioni che mi hanno particolarmente colpito. Certo è che il personaggio negli ultimi tempi troppo spesso aveva dato l'impressione di essere affetto da un cinismo amorale che rasentava l'astenia emotiva dei folli.


(((Ecco cosa dice sul SUD: “C’era sempre il contrasto fra paesaggi meravigliosi e questa gente orrenda (…). Insomma, la gente del Sud è orrenda (…). C’era questo contrasto incredibile fra alcune cose meravigliose e un’umanità spesso repellente». Una volta, per dire, si è trovato in una viuzza vicino al palazzo di giustizia di Palermo: «C’era una puzza di marcio, con gente mostruosa che usciva dalle catapecchie»”… “Non a caso, Bocca ha dedicato uno dei suoi libri più famosi al Sud: si intitola Inferno ed è a tutti gli effetti un precursore di Gomorra. Ma il suo pensiero non cambia col passare del tempo: «Vai a Napoli ed è un cimiciaio, ancora adesso». L’intervistatrice, disperata, cerca di fargli dire qualcosa di gentile sui meridionali, gli chiede se non veda «poesia, saggezza» nel modo di vivere di quelle parti. E il faraone, implacabile: «Poesia? Per me è il terrore, è il cancro». Sono «zone urbane marce, inguaribili»…Unica consolazione: il Sud fa talmente schifo che se vai lì ne cavi di sicuro qualche bell’articolo. Quando lo dice, l’intervistatrice s’illumina: «Quindi sei grato, se non altro…» Ma Giorgio: «Grato, insomma… Come dire: sono grato perché vado a caccia grossa di belve. Insomma, non sei grato alle belve, fai la caccia grossa, ma non è che fraternizzi con le belve». Eppure, nei suoi libri, qualche parola consolante sul Meridione si trova… Beh, presto spiegato il mistero: «È necessaria un po’ di ipocrisia. Sapevo sempre che dovevo tener buoni i miei lettori meridionali, quindi davo un contentino.”…)))

Basta quest'ultima frase per avere la misura di quanto cinico e calcolatore fosse quest'uomo!

Ho avuto poi la sfortuna di assistere all'intervista che ha rilasciato alla Bignardi ne Le Invasioni Barbariche, e devo dire che quello che ho ascoltato dalla sua viva voce in quel servizio, avrei voluto non averlo mai ascoltato: sarà stato per un declino delle sue facoltà mentali legato all'età, o perché voleva stupire l'uditorio, fatto sta che sembrava di trovarsi davanti a una persona dalla mente esaltata e in preda a folli elucubrazioni.

Ne riporto i passi per me più significativi. Per chi fosse interessato all'intera intervista posto qui il link del video:

http://multimedia.lastampa.it/multimedia/cultura-e-arte/lstp/105857/

Bocca nell'intervista alla Bignardi la cosa peggiore la dice a sei minuti e mezzo dall'inizio, quando risponde all'intervistatrice dicendo che lui scriveva di cronaca nera solo per mestiere, e che anzi ne era piuttosto schifato (e qui lo si può anche capire), per aggiungere subito dopo che “a me hanno dato sempre fastidio i finti sentimenti... ad esempio io i servizi peggiori li ho fatti quando ho raccontato dei grandi cataclismi...bisognava fingere dolore... così è stato anche per il disastro del Vajont... sono arrivato da Milano sul posto la mattina presto e ho visto una 'spiana' di terra enorme … erano morte mille persone...certo era drammatico, ma perchè devi fingere di essere commosso per una sciagura quasi naturale (la Bignardi finge meraviglia ma lui continua imperterrito...) - e poi non era affatto una sciagura naturale, dal momento che ci furono gravi responsabilità dei gestori della diga - …

un giornalista, uno scrittore non può commuoversi per tutte le schiocchezze... (nel Vajont i morti furono duemila, e non mi sembra che fossero una sciocchezza...)...il mio unico innamoramento sono stati i partigiani ('e sua moglie?' chiede la Bignardi), ma insomma ero innamorato dei miei amici, i quali come me volevano cambiare l'Italia... (insomma un ex-fascista che batte sempre il tasto della ...resistenza...verrebbe da dire che vuole rimuovere il suo passato di fascista...)... (siamo esattamente a 21 minuti e 32 secondi dall'inizio dell'intervista, quando la Bignardi chiede a Bocca....) ha sentito ieri di quella pensionata colpita in testa in galleria da una palla a forma di cuore di una nota marca, che era agganciata per sponsorizzare... appunto la marca … nel centro di Milano... la pensionata ha avuto un trauma cranico... insomma mi sono chiesta se aveva sentito questa notizia e che cosa ne aveva pensato... (risposta di Bocca)...mi sono rallegrato... (ma come! dice la Bignardi... poverina la vecchia...) è divertente (continua Bocca) vedere che una luminaria cada in galleria... (ma non per la signora – dice la Bignardi – si è fatta male , per fortuna che è fuori pericolo)... 'lei ama il denaro?' gli chiede la Bignardi... e lui con gli occhi che sprizzano scintille di gioia, risponde subito 'moltissimo ...e chi non ama il denaro...se ne conosci qualcuno...io amo il denaro perchè ho paura della povertà...' (ma ha conosciuto la povertà? - gli chiede la Bignardi)... e lui “io la povertà non l'ho mai conosciuta...

L'Altro Sud - Puglia

Permalink |  Messaggio di ritorno

Commenti (8)   Aggiungi Commento
Re: MORTE DI UN FALSO EROE    Da Nix a 06/01/2012 14.18
La pietà umana induce a non infierire su chi è morto. Tuttavia invito tutti gli italiani a ricercare e leggere quanto il defunto ha scritto a proposito dei merdionali, riversando fiumi di odio razziale. Probabilmente scriveva senza conoscere approfonditamente le cose di cui parlava, oppure era accecato da un odio profondo ed irrazionale, oppure tutte e due le cose. Dalle vicenda si può comunque trarre un insegnamento, constatando direttamente a quale aberrazione può arrivare la mente umana e capire così come nascono le correnti di pensiero che portano alla perdita della vera umanità.

Re: MORTE DI UN FALSO EROE    Da Andrea a 06/01/2012 21.27
Bocca è stato un provincialotto accecato da un razzismo becero ed ignorante. conosceva poco del Mezzogiorno ma si abbandonava ad analisii vergognose simili a quelle di Miglio, bisogna dimenticare questo povero ed rozzo giornalista. Piuttosto dobbiamo chiederci il perchè L'Espresso continua la sua glorificazione. Che schifo!

Re: MORTE DI UN FALSO EROE    Da Peppe Massari a 07/01/2012 21.10
"Insomma, la gente del Sud è orrenda (...). C'era questo contrasto incredibile fra alcune cose meravigliose e un'umanità spesso repellente.Una volta, a Palermo, c'era una puzza di marcio, con gente mostruosa che usciva dalle catapecchie. Vai a Napoli ed è un cimiciaio, ancora adesso. Una poesia il il modo di vivere di quelle parti? Per me è il terrore, è il cancro. Sono zone urbane marce, inguaribili".<br><br>Come si fa ad elogiare chi scrive queste schifezze razziste. Chi lo fa è solo minorato mentale. Ditelo a gran voce , quel giornalista provinciale e bavoso era solo una merda da dimenticare. Il Sud deve liberarsi dei suoi libri che andrebbero bruciati nelle piazze.<br><br>

Re: MORTE DI UN FALSO EROE    Da Lucia De Giovanni a 08/01/2012 18.16
Giorgio Bocca era uno pseudo-intellettuale con una visione limitata e parziale della realtà. Ha capito che con il parlar male del mezzogiorno si guadagna e si è divertito a vomitare odio e discriminazione realizzando libri anti-meridionali. Quello che sconcerta è lo spazio e il prestigio che gli ambienti giornalistici e culturali hanno dato a questo povero uomo ignorante accecato dal pregiudizio tipico del gretto provincialismo del profondo nord. Mi auguro che di lui e dei suoi libri non se ne parli più Forse l'idea di Peppe di mandarli al rogo in una piazza del sud no sarebbe male. é il momento di reagire.

Re: MORTE DI UN FALSO EROE    Da Mark a 10/01/2012 11.15
Concordo pienamente con Giovanni.<br>Non sentiremo minimamente la mancanza di Giorgio Bocca!

Re: MORTE DI UN FALSO EROE    Da Susy a 11/01/2012 18.41
fare l'apologia di uomo prevenuto come fa l'Espresso, che non conosce bene neanche ciò di cui scrive è sconcertante. mi auguro anche io che di lui e del suo razzismo non se ne parli più.

Re: MORTE DI UN FALSO EROE    Da Nix a 12/01/2012 16.53
Il napoletano Manfelotto, direttore de "L'Espresso", ha sempre ospitato le rubriche del poco compianto sul giornale e ne ha pubblicamente elogiato l'opera, dopo la morte. E' semplice opportunismo, oppure servilismo, o cos'altro?

Re: MORTE DI UN FALSO EROE    Da PIRAMIDE a 12/01/2012 19.03
Tutti ricordiamo lo spazio che i giornali e le televisioni davano ai giudizi nauseanti di Bocca e Miglio sulla gente del Sud, qualcosa di vergognoso. Tutto è avvenuto nella totale assenza dei politici e degli uomini di cultura meridionali, indegni rappresentanti di un grande realtà storica. La rinascita del Mezzogiorno deve partire dalla demolizione sistematica di questi stereotipi e dalla mobilitazione della borghesia illuminata, l'unica in grado di comprendere certi meccanismi interni alla società.


Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento   Annulla 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Stampa   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Stampa   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Stampa   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Condizioni d'Uso