Thursday, June 20, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: ColeWales98
New Today New Today: 1
New Yesterday New Yesterday: 2
User Count Overall: 4790

People Online People Online:
Visitors Visitors: 15
Members Members: 0
Total Total: 15

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 DALL'EGITTO UN NUOVO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE POLITICA    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 21/04/2011 14.15

DALL'EGITTO UN NUOVO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE POLITICA*

di Enea**

La comunità meridionale, ha l’occasione di giocare un ruolo importante nel risveglio politico, culturale ed economico del Mediterraneo agganciandosi al desiderio di libertà, consapevolezza e rinnovamento che viene dai popoli meridiani.

Negli ultimi tre mesi, la politica internazionale è stata monopolizzata da quanto è accaduto e sta accadendo in Nord Africa e in Medio Oriente. Da buoni occidentali, la nostra attenzione è stata presto catturata dai fatti in Libia. Troppi sono gli interessi economici nell’ex colonia per non essere spinti dalla curiosità di capire e di conoscere l’evolversi degli eventi.
Ma da un punto di vista politologico, la vera novità delle recenti rivoluzioni della sponda Sud del Mediterraneo vanno cercate altrove: in Egitto, laboratorio di nuovi modelli di organizzazione, di lotta e di protesta politica. Le vicende egiziane andrebbero analizzate seriamente dal mondo delle associazioni, partiti e movimenti meridionalisti di base e prese come riferimento. 
Le rivoluzioni non nascono per caso e le proteste egiziane di fine gennaio hanno origine nel 2004, quando alcuni intellettuali e volti noti egiziani diedero vita ad un movimento extraparlamentare chiamato Kifāya (Basta) che aveva due slogan fondamentali: “no a un altro mandato” e “no a una repubblica ereditaria”. Il riferimento esplicito era al presidente Mubarak ed alla possibilità che i poteri passassero al figlio Gamāl.
L’interesse che suscita Kifāya è duplice. Innanzitutto esso ha avuto il merito di rompere il più grande tabù egiziano: protestare contro il presidente, la tirannia, la corruzione, il sottosviluppo, la perdita di memoria e l’annullamento di un popolo ad opera di un regime geriatrico (tutti i leaders superavano i 70 anni), gerarchico e illiberale.
Ma Kifāya è un esperimento interessante anche perché si pone come un modello innovativo per le organizzazioni politiche moderne. Esso è innanzitutto un movimento a-ideologico, perché ingloba dentro di sé ideologie e orientamenti politico-sociali diversi ma accomunati dall’opposizione al regime.Orientamenti diversi quindi, ma con un obiettivo comune. Oltre ad essere privo di ideologia, Kifāya è un movimento acefalo, cioè con molti coordinatori, portavoce, rappresentanti, quartier generali. Ciò per uscire dalla personificazione della politica in cui l’Egitto è stato imprigionato per cinquant’anni. Un’organizzazione di riferimento attorno alla quale sono nate diverse organizzazioni satellite: Giornalisti per il cambiamento, Intellettuali per il cambiamento, Operai per il cambiamento, Contadini per il cambiamento ecc.
La novità di Kifāya sta allora nella orizzontalità organizzativa che permette a tutti di esprimersi senza i filtri e i vincoli della gerarchia. Orizzontalità che si è espressa soprattutto attraverso il trinomio: Facebook, Google, You Tube (Facegooyout) ma anche sms, siti web e blog.

Per diversi anni Kifāya è stato un movimento di èlite limitato a poche centinaia di persone ma con lo sviluppo dei new media e dei social forum, in particolare Facebook, l’effetto orizzontalità ne è risultato enormemente amplificato. E’ soprattutto attraverso questi strumenti che Kifāya ha veicolato le proprie idee, fatto le proprie denunce e mobilitato milioni di persone. Esempi ne sono il Movimento dei giovani del 6 aprile (Mg6a) che può essere considerato il primo modello di organizzazione sociale su Facekook. Si tratta di una pagina creata da un ingegnere civile e da una giornalista, non ancora trentenni, per sostenere gli operai di una zona industriale alle porte del Cairo e che promuoveva una giornata di disobbedienza civile (il 6 aprile 2008). La pagina ebbe decine di migliaia di iscritti e migliaia furono i partecipanti alle manifestazioni del 6 aprile. Ahmad Mahir (classe 1981), il giovane ingegnere ideatore del gruppo, fu arrestato e torturato. Ancora più significativo è stato l’esperimento della pagina Facebook creata da Wā’il Ġunaym (classe 1980) capo del settore marketing di Google per il Medio Oriente che diede vita ad una pagina chiamata Siamo tutti Hālid Sa’īd che ha raccolto più di un milione di iscritti. Hālid Sa’īd era un giovane di 28 anni che fu arrestato, torturato e ucciso dalla polizia perché aveva postato su Youtube un video che incastrava alcuni poliziotti mentre si dividevano il bottino di una retata antidroga e la pagina Facebook di Wā’il Ġunaym era in suo sostegno e di protesta contro i metodi autoritari del regime.

Ovviamente la rivoluzione Egiziana non si riduce a internet, ai video, ai blog ed a Facebook. Essa è stata completata con una straordinaria capacità operativa soprattutto nel momento in cui si sono portate centinaia di migliaia di persone nelle piazze e nelle strade del paese. Ma questi strumenti ne hanno costituito un importante supporto mediatico, comunicativo e organizzativo:gli appuntamenti per le proteste venivano fatti circolare con eventi su Facebook, video e siti. Le denunce venivano fatte con video su Youtube, pagine, gruppi e note sul social forum di Zuckemberg.
Quale insegnamento può trarre da questa esperienza il meridionalismo di base? In un quadro in cui i movimenti meridionalisti, a causa di divisioni e personalismi, non riescono ad assumere un ruolo politico rimanendo divisi e incapaci di raggiungere la necessaria massa critica per essere considerati qualcosa di serio dagli altri competitor politici ma soprattutto dall’elettorato meridionale, l’organizzazione orizzontale di Kifāya potrebbe essere considerata un modello di riferimento. Un’organizzazione aperta che coordini l’azione delle centinaia di associazioni e delle migliaia di attivisti attraverso indirizzi, simboli, principi ed obiettivi comuni in cui ciascuno sia protagonista e mai spettatore.

La comunità meridionale, partorita dalla civiltà greca, è stata per secoli faro di civiltà e cultura. Centro del Mediterraneo dallo spirito cosmopolita, oggi degradato a discarica morale e materiale d’Italia e d’Europa, ha l’occasione di giocare un ruolo importante nel risveglio politico, culturale ed economico del Mediterraneo agganciandosi al desiderio di libertà, consapevolezza e rinnovamento che viene dai popoli meridiani. Per farlo però deve individuare i giusti mezzi e le giuste strategie. Non farlo metterebbe una pietra tombale sul nostro futuro.

------------

* Fonti: Marco Hamam, La vittoria dei giovani di Facebook (2011). Lorenzo Trombetta, Diario di una rivolta tenace (2011). Mena Milad e Mena Fouad, Alessandria, la rivoluzione e il desiderio di risorgere (2011).

** ENEA è lo pseudonimo utilizzato da un attivista meridionalista.

 

Permalink |  Trackback

Comments (5)   Add Comment
Re: DALL'EGITTO UN NUOVO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE POLITICA    By Nix on 21/04/2011 15.02
Internet è uno strumento straordinario,fuori dal controllo dei poteri. Grazie a questo strumento è stato possibile realizzare la rivolta in Nord Africa di cui parliamo. Per quanto riguarda i nostri territori, è di questi giorni la protesta organizzata in rete attraverso Facebook e Youtube, riportata dal Corriere del Mezzogiorno e dal Telegraph, contro Ikea che aveva diffuso uno spot offensivo per i meridionali. Tantissimi contatti, un sondaggio ed un controfilmato su Youtube hanno costretto Ikea a scusarsi con i meridionali e, ci auguriamo, a ritirare lo spot. Una piccola ma significativa vittoria, che può essere l'inizio di una nuova stagione in cui i meridionali possono cominciare ad avere una maggiore consapevolezza ed a pretendere il rispetto per se stessi, dato che finora sono stati umiliati in tutti i modi. Lo strumento informatico, usato principalmente dai giovani, può dare loro la possibilità di far sentire la propria voce, di organizzarsi in gruppi e di cominciare a condizionare le scelte politiche che li hanno visti finora solo soggetti passivi, senza diritti nè prospettive. E' così che si potrà formare, ci auguriamo, una nuova classe dirigente non sottomessa ai poteri, orgogliosa e fiera di rappresentare un Sud impaziente di scrollarsi di dosso tutti quei luoghi comuini e quelle negatività che ne hanno bloccato finora ogni sogno di rinascita.

Re: DALL'EGITTO UN NUOVO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE POLITICA    By Gaetano on 21/04/2011 15.22
La protesta contro Ikea è stata un'iniziativa meritevole di Angelo Forgione. Migliaia sono gli sforzi che quotidianamente i meridionali fanno per difendere la propria dignità. Se questi sforzi fossero coordinati e si riconoscessero in un'unica grande organizzazione (anche se fluida e non gerarchica) cosa succederebbe? sarebbe la nostra salvezza!

Re: DALL'EGITTO UN NUOVO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE POLITICA    By Luca on 22/04/2011 10.18
è mai possibile che ci riescono tutti e non noi? si deve cambiare registro. I vari movimenti devono cambiare prospettiva: non devono pensare di poter inglobare gli altri perchè sono più bravi e più belli degli altri ma devono lavorare per darsi un coordinamento e una...regolata. Solo così faranno il bene del Sud. Altrimenti fuori dalle palle!

Re: DALL'EGITTO UN NUOVO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE POLITICA    By Ivan on 25/04/2011 17.01
x Luca: ci sono partiti o movimenti meridionali che stanno con il governo controllato dalla lega nord, ce ne sono altri che nostalgicamente e molto tristemente sognano improbabili restaurazioni del regno Delle Due Sicilie, ce ne sono altri invitano al separatismo predicato anche dai nordici, ce ne sono ancora altri che seguono la logica del'odio regionale tipico delle tifoserie calcistiche, prova tu a metterli insieme.<br>Comunque tra tutti questi c'è qualche stimabile eccezione da sostenere.<br>AUGURI A TUTTI!!!!!

Re: DALL'EGITTO UN NUOVO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE POLITICA    By Luca on 26/04/2011 8.32
@ Ivan: la Lega ci è riuscita. Anche lì ci sono neonazisti, ex comunisti ed ex democristiani uniti nell'interesse comune per il loro territorio. Qui invece si tentano improbabili strade solitarie che portano solo a figure di niente! le comunali a Napoli lo dimostreranno ancora una volta!!


Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use