Tuesday, June 18, 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Print   
 La bustina suddista    
   
 Print   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Print   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Print   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Print   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Print   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Print   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Print   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Print   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Print   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Print   
 UsersOnline    
Membership Membership:
Latest New User Latest: VeronaZii29
New Today New Today: 1
New Yesterday New Yesterday: 0
User Count Overall: 4784

People Online People Online:
Visitors Visitors: 25
Members Members: 0
Total Total: 25

Online Now Online Now:
   
 Print   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Print   
 New_Blog    
You must be logged in and have permission to create or edit a blog.
   
 Print   
 Blog_List    
   
 Print   
 IL NUCLEARE PADANO    
Location: BlogsL'ALTRO SUD    
Posted by: 242658@aruba.it 07/03/2011 9.53

IL NUCLEARE PADANO

di Nicola Perrini

Il blocco degli incentivi al settore fotovoltaico mette a rischio migliaia di imprese e lavoratori

E’ di questi giorni l’allarmante notizia di un blocco degli incentivi al settore fotovoltaico da parte del ministro Romani, che mette a rischio migliaia di imprese che avevano puntato su questo settore ed i tantissimi lavoratori impegnati. E’ bastata la notizia di un’imminente azzeramento, per mandare in fibrillazione il promettente settore della green economy, che è stato costretto a fermarsi, in attesa di chiarimenti. Non è bastata la proroga fino a giugno, genericamente accordata dal ministro, a dissolvere le preoccupazioni degli operatori che, al momento sono già fermi, in attesa di certezze. Un colpo mortale dunque ad un settore particolarmente vivace, innovativo, che vede tantissimi giovani impegnati con entusiasmo nella costruzione del futuro. Un settore che comprende tante imprese del Sud e tanti nostri giovani occupati, a cominciare dalle fabbriche di moduli solari e software house  nell’avellinese, dalle  moltissime imprese installatrici in tutte le regioni del Sud ed a finire con  il nascente polo del fotovoltaico a Marcianise, che prevede l’assunzione diretta di 200 giovani ed un indotto che può dare lavoro a 2000 persone. Il motivo di tanto successo al Sud è facilmente spiegabile, viste le favorevolissime condizioni di irraggiamento solare e l’assenza di un significativo gap tecnologico con le altre regioni d’Italia, in questo campo.
Ma queste incentivazioni, distribuite uniformemente in tutta Italia, evidentemente davano fastidio agli imprenditori padani del nucleare che vedevano sparire delle risorse su cui evidentemente puntavano.  E allora hanno mandato in televisione amministratori delegati, esperti di ogni tipo, oncologi, economisti e quant’altro a spiegarci che gli impianti fotovoltaici inquinano, sono poco efficienti e sprecano le risorse pubbliche.
Niente di più falso, visto che i circa 6.000 MW di impianti fotovoltaici installati, non costano un centesimo all’erario ma ricevono l’incentivazione grazie ad una maggiorazione sulle bollette dell’energia elettrica, destinata allo sviluppo delle energie rinnovabili, che tutti noi paghiamo dagli anni ’90 e che solo oggi finalmente vediamo destinata agli scopi per i quali era stata introdotta. L’incentivazione sin’ora ha consentito un forte sviluppo del settore con  una progressiva riduzione dei costi. L’obiettivo dichiarato era quello di arrivare, nel giro di alcuni anni, alla cosidetta grid-parity, cioè al raggiungimento di costi così bassi, tali da rendere conveniente l’installazione di un impianto fotovoltaico indipendentemente dall’incentivazione. Immaginate cosa sarebbe accaduto tra qualche anno, quando grazie a questo meccanismo avremmo raggiunto delle condizioni così favorevoli che molte, probabilmente almeno il 25% delle abitazioni, sarebbero state dotate di un impianto solare fotovoltaico e quindi rese autonome con riduzione degli elettrodotti e delle centrali che bruciano combustibili fossili. E ancora, decine e decine di fabbriche che lavorano, centinaia e centinaia di imprese addette all’installazione ed alla manutenzione, decine di migliaia di giovani occupati e nessuna dipendenza dal Nord.
E invece no, l’avidità degli imprenditori padani del nucleare, con il favore dei loro rappresentanti politici verdastri, infischiandosene del referendum del 1986 in cui gli italiani dissero no al nucleare, portano avanti con protervia anche questa iniziativa ammazza Sud.
I benefici del nucleare, ammesso che ce ne siano, li vedremo tra venti anni, visto che tanto tempo occorre per andare a regime, ma loro i soldi li vedranno subito. Con il denaro tolto al fotovoltaico, appropriandosi di risorse pagate da noi e destinate proprio allo sviluppo di quel settore, finanzieranno da subito le loro ricerche, le loro installazioni, i loro impianti.
Ma qualcosa verrà anche a noi e saranno le scorie radioattive, visto che la Campania rientra tra le quattro regioni che hanno dato il consenso al nucleare.

Permalink |  Trackback

Comments (4)   Add Comment
Re: IL NUCLEARE PADANO    By Andrea on 08/03/2011 6.58
Vorrei ricordare che, oltre al solare, i "cari pasdaran padani" assieme agli ascari meridionali hanno fatto una strenua battaglia contro l'eolico, anche quello offshore.<br>E quali sono le regioni più ventose ? (provate ad indovinare...)

Re: IL NUCLEARE PADANO    By Nicola on 08/03/2011 12.53
La zona più ventosa d'Italia e quindi più adatta all'eolico, è quella al confine tra le province di Benevento e Foggia. In Padania non mi risulta ci sia molto vento, visto il persistere delle nebbie ........... Ad ogni modo prima ci liberiamo di questi verdastri, meglio è! Ricordiamocelo alle prossime elezioni.

Re: IL NUCLEARE PADANO    By Mario on 09/03/2011 16.38
i "verdastri" vanno fermati ad ogni costo. bisogna sputtanare i partiti nazionali che li assecondano, fatelo voi per tutti noi!.

Re: IL NUCLEARE PADANO    By Nicola on 09/03/2011 21.29
Si, ma dateci una mano, non è tempo di risparmiarsi. Anche un piccolo contributo, nei ritagli di tempo per noi tutti che lavoriamo, è fondamentale per la causa comune. Forza e coraggio, venite alle nostre riunioni e concordiamo insieme nuove azioni!


Your name:
Title:
Comment:
Add Comment   Cancel 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Print   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Print   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Print   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Terms Of Use