giovedì 18 luglio 2019   ::  
      

"IN NOME DEL POPOLO MERIDIONALE"         

  

 

 

Manifesto EFA per le Elezioni europee 2019

 

 

 http://www.e-f-a.org/home/

 

L'Altro Sud-UDS è membro  del Partito europeo dell'EFA (European Free Alliance) e dell'APL(Alleanza dei Popoli liberi). Aderisce al gruppo dei partiti autonomisti nazionali per un "Patto di Autogoverno". Collabora con l'Istituto Internazionale per il Regionalismo e il Federalismo presso Monaco di Baviera 

Video

L’Altro Sud is a cultural-political movement which is inspired  by European Regionalism. The South of Italy (Two Sicilies) is an ancient and authoritative nation with about eight centuries of common history. The purpose of this organization is to contribute, with other European territories, at the construction of a Europe of the Peoples and of the Cultures. Defend the interests of the Southern Italian Regions in a Europe of the solidarity and identity.

 

 

Per ricevere informazioni sulle nostre iniziative e per lasciare commenti sul Forum , Vi chiediamo di iscriverVi al sito e lasciare il Vostro indirizzo e mail, cliccando qui.  Scrivete, com'è diventato di abitudine,  direttamente le Vostre valutazioni e idee nei commenti agli articoli del Blog. Per qualunque informazione o contatto scrivi al seguente indirizzo: laltrosud@laltrosud  

 

Seguici su facebook

 

CALABRIA NEL CUORE

ABRUZZO NEL CUORE

CAMPANIA NEL CUORE

SICILIA NEL CUORE

LA PUGLIA NEL CUORE 

LUCANIA NEL CUORE 

SARDEGNA NEL CUORE  

  

 

   
 Stampa   
 La bustina suddista    
   
 Stampa   
 BELSUD news    

L'Altro Sud riporta Le Due Sicilie in Europa (vedi il filmato)

I"l nostro è un Paese in pezzi. Ripeterlo fa paura, ma non è detto che sia un male" . Un libro infuocato, che irrompe con forza nel dibattito politico e tratteggia scrupolosamente gli scenari di un futuro che non è mai stato così prossimo.

 

 

 

   
 Stampa   
 Siti di riferimento collegati    

 APL (Alleanza Libera dei Popoli)

  EFA  (European Free Alliance)

Esquerra  (Esquerra Republicana de Catalunya:partito nazionalista progressista Catalano)

BNG (Bloque Nacionalista Galego:partito nazionalista progressista Galiziano)

BLOC (El BLOC Nacionalista Valencià:partito nazionalista progressista Valenziano)

SNP (Scottish National Party: partito nazionalista progressista Scozzese) 

di Lerro Giorgio

 

 

"STEFANO" Prodotti di alta qualità

   

 _______________________________

VIDEO 

Fermiamo lo scempio in Basilicata dove si potrebbe destinare fino al 70% del territorio regionale allo sfruttamento petrolifero. Serve una mobilitazione permanente delle popolazioni meridionali contro questa violenza dello stato italiano che continua a considerare il Mezzogiorno solo una colonia da spremere e che ha consegnato i nostri territori alle compagnie petrolifere

 ORA E' TEMPO DI REAGIRE!

   
 Stampa   
 Video    

Video "Un Altro Sud c'è". Rassegna di immagini del Sud stereotipato della criminalità e del degrado contrapposto al Sud positivo, della gente perbene, degli eroi, della cultura, dell'arte, della Storia di un popolo che è stato Nazione per otto secoli.

   
 Stampa   
 LIBERA    

L'ALTRO SUD aderisce a

   
 Stampa   
 Traditional Minorities    

 

 

Mission

"United in diversity", states the European Union. The European Parliament needs to guarantee that we live up to that statement and defend our diversity, a diversity which is best measured by the well being of Europe’s national and linguistic minorities.

Role of the Intergroup
The Intergroup serves as an open forum for exchanging ideas and views on the situation and future of traditional minorities, national communities and languages. In order to promote awareness and understanding of minority issues in Europe, the Intergroup serves as a meeting point for political groups, European institutions, non-governmental organisations and minority representatives. 
   
 Stampa   
      

 

Nicola Perrini, ingegnere, docente di elettronica con numerose esperienze professionali - in particolare nel campo delle Energie Rinnovabili e dell'impiantistica industriale - è attualmente Coordinatore Nazionale de L'Altro Sud-UDS. Meridionalista doc, è autore stimatissimo di numerosi contributi sulla Questione Meridionale e sulle nuove opportunità di sviluppo del Mezzogiorno. 

coordinamento.nazionale@laltrosud.it 

   
 Stampa   
 VIVI IL SUD    

ORA PENSIAMO A NOI. Diamo forza alle nostre realtà produttive.

Dei prodotti che i cittadini meridionali acquistano, solo il 6% è made in Sud. Un consumo più consapevole potrebbe ribaltare il destino della nostra terra.

Ti invitiamo a comprare, dove è possibile, prodotti del nostro Sud o fare una vacanza nelle nostre bellissime regioni. Inviaci il tuo nome, costruiremo insieme, con orgoglio, un grande esercito di cittadini che, amando la propria comunità, scende in campo concretamente per difendere l'occupazione e la ricchezza di tutto il Mezzogiorno. 

Inviaci la tua adesione a:

laltrosud@laltrosud.it

   
 Stampa   
 VIDEO    

Intervista ad Antonio Gentile (presidente L'ALTRO SUD)

   
 Stampa   
      

 

l'Altro Sud - Uds è anche su

Per accedere alle pagine di Facebook bisogna essere registrati. Chi è interessato, può farlo cliccando qui.

Gruppi su facebook promossi da l'Altro Sud-Uds:

L'ALTRO SUD!

Salviamo lo stabilimento FIAT di Pomigliano d'Arco

Forza Napoli...in tutti i sensi!

Caserta non è solo camorra e "monnezza"

 Ci bastava Caligola a fare senatori i cavalli!

   
 Stampa   
 UsersOnline    
Iscritti Iscritti:
L'ultimo utente Recente: CoyJack66631
Nuovi utenti di oggi Nuovi utenti di oggi: 1
nuovi utenti di ieri Nuovi utenti di ieri: 3
Utenti contati Complessivamente: 4817

Persone On-line Persone Online:
Visitatori Visitatori: 6
Membri Iscritti: 0
Totale Totale: 6

Online adesso Adesso Online:
   
 Stampa   
 visitatore n°    
contadores de visitascontatori web
   
 Stampa   
 New_Blog    
Devi loggarti ed avere i permessi per creare o modificare un blog.
   
 Stampa   
 Blog_List    
   
 Stampa   
 POVERI SENZA SPERANZA    
Luogo: BlogsL'ALTRO SUD    
Inviato da: 242658@aruba.it 03/12/2008 13.28

 

Di fronte al crescere della povertà e della disoccupazione che, oramai , si estendono anche a gran parte del ceto medio, in particolare nel Mezzogiorno, dove tali piaghe si concentrano pericolosamente, detto polemicamente, le risposte sembrano sostanzialmente di due tipi.
C'è una risposta escludente, autoritaria, che considera inutile e assistenzialista garantire un minimo di reddito alle famiglie più indigenti e che contempla anche forme repressive per chi si ribella al proprio stato di emarginato.
C'è, invece una forma democratica di risposta al crescente disagio sociale che contempla, tra l'altro, una forma di reddito minimo garantito, che non dovrebbe essere inteso come un obolo di povertà ma come una forma di diritto sociale.
La possibilità di usufruire di un reddito minimo garantito, legato ad un effettivo stato di necessità e subordinato ad una prestazione di tipo lavorativo e sociale, rimane certamente una giusta risposta solidale e democratica.
Qualsiasi iniziativa politica tendente all'emancipazione sociale nelle nostre realtà regionali più difficili, troverà sempre ed inesorabilmente un ostacolo insormontabile nella diffusa povertà di ampie fasce della popolazione, travolte oltre che dalla deriva neoliberista, anche dai meccanismi propri della globalizzazione.
Ed è per questi motivi che rimane inaccettabile la decisione della Giunta regionale della Campania di cancellare il "reddito di cittadinanza" finora erogato a 18mila nuclei familiari campani. In pratica 350 euro che davano a queste famiglie un minimo di dignità civile.
La politica dei tagli sembra ormai contagiare tutti: Destra e Sinistra uniti nel distruggere ogni forma di diritti civili, aprendo solo ad una concezione caritatevole dell'assistenza sociale.
In una realtà, poi, come quella campana percorsa da mille tensioni: dalla disoccupazione alla criminalità organizzata, dalla povertà crescente al degrado ambientale, decidere di abrogare un sussidio vitale per decine di migliaia di persone, indica irresponsabilità politica ed insensibilità sociale.
Le motivazioni addotte, relative ad una mancanza di risorse in Bilancio sono miserevoli.

In una Regione che ha fatto degli sprechi, delle onerose ed inutili consulenze e delle inefficienze la propria bandiera, tagliare quel minimo di risorse proprio alle famiglie più povere è un atto vergognoso e provocatorio, che accomuna destra e Sinistra in una perversa logica di cinismo politico.

15/11/2008                                             Antonio Gentile

Permalink |  Messaggio di ritorno

Commenti (1)   Aggiungi Commento
Re: POVERI SENZA SPERANZA    Da Andrea Balìa a 15/11/2008 12.56
Ormai tutto ciò che è sussidio sociale, aiuto alle classi più indigenti o in genere a chi ha problemi in zone disagiate, ecc... non è più contemplato dalla politica attuale, e viene bollato sotto il termine "assistenzialismo". Una posizione ipocrita e "pilatesca" figlia della pochezza ideologica ma anche pratica d'una visione politica generalizzante, superficiale, globalizzante che non ha più voglia, tempo ed interesse ad entrare nello specifico dei problemi e che ha perso moralità e valori. Il Sud è, per ovvie ragioni, coinvolto in questo processo di disattenzione e credo ci sia poco da sperare in un dialogo o in conquiste progressive.<br>Forse è una posizione che può essere accusata di nichilismo ma credo che solo uno Stato indipendente e rifondato possa risolvere il problema. Come dice Zitara : " ognuno è libero di vendere il proprio culo, ma sappia che, piaccia o meno, la soluzione è un'altra!".<br>Andrea Balìa


Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento   Annulla 
   
  
 Blog_Archive    
   
 Stampa   
      

 

Ti riconosci solo nel Sud del sottosviluppo, della criminalità organizzata, del degrado socio-ambientale e degli atteggiamenti incivili?

NOI NO!
 
Noi c'identifichiamo nel Sud della gente onesta, operosa, intelligente, che è la maggioranza della popolazione meridionale.
 
Noi crediamo nel Sud della legalità, della cultura, della sana ed efficiente imprenditorialità, della ricerca avanzata, delle professioni e del grande ed eccezionale patrimonio artistico.
 
Noi sappiamo che il Sud è stato tra i principali protagonisti della storia e della civiltà mediterranea ed europea.
 
 
PER DARE VOCE A QUEST'ALTRO SUD SCENDIAMO IN CAMPO!
   
 Stampa   
      

Morti per la LEGALITA'. Morti per la LIBERTA'. Morti per UN ALTRO SUD.

 

 

   
 Stampa   
Home :: Il Manifesto e le Nostre Idee :: Origini della Secessione Italiana :: Manifesto EFA per le elezioni europee 2019 :: L'identità meridionale :: I nostri impegni per il Sud :: La bustina suddista :: Comunicati stampa :: Video :: l'Altro Sud e l'Ambiente :: Hanno detto di Napoli :: Eventi ed Appuntamenti :: Forum :: Archivio Documenti :: Organizzazione e Contatti :: Tesseramento e Statuto :: Sostienici :: Elezioni Regionali 2010 - Comunali 2011 :: Elezioni Amministrative 2009
Copyright (c) 2007    ::   Condizioni d'Uso